Bastard e Bob Sinclar sul Brenta, il presidente della SAT: "Eventi diversi, stesso effetto"

Esprime preoccupazione per "due eventi diversi, i cui effetti però sono simili" il presidente della SAT Claudio Bassetti: "Bisogna avere il coraggio di dire no"

I Bastard Sons of Dioniso sulla Cima Tosa

Bob Sinclar sul Monte Spinale con 3800 persone, Bastard Sons of Dioniso sulla Cima Tosa per registrare un brano dal vivo (clicca qui per vedere il video) nel silenzio e nella solitudine dei 3000 metri di quota. "Due eventi diversi, ma sostanzialmente simili, per le dinamiche che li hanno prodotti e gli effetti che hanno determinato". E' questa lla posizione del presidente della Sat Claudio Bassetti che interviene sui due casi, assimilati anche nella mozione di Donata Borgonovo Re contro la "montagna da bere" approvata in Consiglio.

"Ciò che caratterizza le due iniziative è, da un lato l’uso della montagna come scenario, come sfondo, come contesto capace di suscitare grandi emozioni visive, dall’altro l’idea che la tecnologia possa diventare una porta aperta su tutto" si  legge nella nota del presidente. "Abbiamo letto applausi alla salita in elicottero sulla vetta più alta del Brenta per una promozione commerciale, in un’area patrimonio dell’umanità, un contesto che custodisce un nostro bene preziosissimo. Allo stesso tempo dobbiamo registrare commenti molto favorevoli all’invasione sonora dello Spinale, teatro di un concerto in quota che amplificava musica in un’area dolomitica molto vasta".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coranavirus, supermercati presi d'assalto anche in Trentino

  • Un caso di Coronavirus in Alto Adige

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Vastissimo incendio, la montagna brucia da due giorni e le fiamme lambiscono le case

  • Gravissimo incidente in A22, auto si schianta contro un tir: muore un uomo

  • Nuovo caso di coronavirus in Trentino: è una donna del Lodigiano in vacanza a Folgarida

Torna su
TrentoToday è in caricamento