"Basta incentivi al mini-idroelettrico sul Noce: sport e turismo sono le vere risorse economiche"

Protesta a Caldes del Comitato che da dieci anni si batte al grido di "Noce libero"

Un momento della protesta a Caldes

Manifestazione anche sul Noce nella giornata della "Protesta dei pesci di iume", lanciata a livello nazionale per chiedere politiche più forti di salvaguardia dei corsi d'acqua italiani. Il fiume delle valli di Sole e Non è da anni oggetto di "contesa" tra chi vorrebbe sfruttare le acque, ache degli affluenti, per produrre energia elettrica e chi vede nel fiume libero e naturale una risorsa economica altrettanto valida, oltre che un ambiente da salvaguardare per principio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo ha ricordato Luca Scaramella, referente del Comitato per la Salvaguardia del Fiume Noce: "Il Noce è una delle attrazioni, a livello turistico e sportivo, più imprtante della valle - ha detto -. Dopo dieci anni di battaglie contro il mini-idroelettrico siamo ancora qui e ribadiamo totale contrarietà: se non c'è una limitazione agli incentivi il rischio è di avere un numero esorbitante di progetti di sfruttamento". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento