Un'altra scoperta della Fondazione Mach sulle varietà di vite resistenti alla Peronospera

Scoperto il ruolo dei composti volatili prodotti per arginare l'infezione, potrebbero far diminnuire l'uso di fitofarmaci

Le varietà di vite più rsistenti alla Peronospera, vera piaga del settore vitivinicolo, producono, in risposta all'infezione, dei composti volatili che si diffondono nell’ambiente ed inibiscono il patogeno fino a bloccare l’infezione stessa.

La scoperta, effettuata dai ricercatori della Fondazione Mach di San Michele all'Adige e pubblicata sulla prestigiosa rivista Scientific Reports (gruppo Nature), aggiunge importanti conoscenze sui meccanismi di autodifesa della vite e potrà avere importanti ricadute nella lotta contro questo patogeno, riducendo così l’utilizzo di fungicidi. 

In pratica le piante con questo meccanismo potrebbero essere in grado di agire in modo ‘sociale’ proteggendo i loro simili da ulteriori attacchi e prima che il patogeno entri in contatto con i loro tessuti. Un'altra importante scoperta, dopo il sequenziamento del genoma della peronospera sempre ad opera dei ricercatori FEM, che aggiunge un tassello  foondamentale per lo sviluppo  di varietà  resistenti che consentirebbero la riduzione dell'uso di fitofarmaci nei vigneti, non solo Trentini.

Potrebbe interessarti

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Parabrezza in frantumi: colpa di una pigna

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

  • Guardia medica assente, Apss: "Si è dimesso, procederemo anche per danno d'immagine"

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Escherichia coli nell'acquedotto: in 90 con sintomi gastrointestinali. Il sindaco: "Bollite l'acqua"

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

Torna su
TrentoToday è in caricamento