Pascoli sui boschi abbattuti dal maltempo: ecco il disegno di legge di Dallapiccola

Creare pascoli alpini dove il vento ha abbattuto gli alberi, la proposta dell'ex assessore all'Ambiente diventa un disegno di legge

Meno boschi, più pascoli: arriva in Consiglio provinciale la proposta del consigliere del Patt, Michele Dallapiccola, che ha presentato un disegno di legge per il recupero del patrimonio forestale duramente colpito dalle tempeste di fine ottobre.

In particolare il ddl intende introdurre semplificazioni per le autorizzazioni e finanziamenti per favorire l'utilizzo delle zone boschive danneggiate e di quelle degradate o abbandonate per le attività di pascolo e agricole.

In buona sostanza il ddl di Dallapiccola mira, cogliendo l'occasione, per quanto drammatica, del disastro ambientale di ottobre, ad allargare le zone prative e di pascolo che, negli ultimi anni, si sono drasticamente ridotte a fronte dell'avanzata dei boschi.

Il ddl prevede anche indennizzi per i proprietari pubblici e privati di patrimoni forestali che hanno subito danni per favorirne il recupero e la vendita del legname sul mercato e per evitare la diffusione di malattie che sono favorite dagli schianti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendio distrugge una stalla a Cesura di Caoria, in salvo 30 cavalli

  • Cronaca

    Formazione di genere, la Cgil: "Sospenderli ha creato problemi a 24 istituti"

  • Attualità

    Chiusura notturna della Valsugana

  • Politica

    Presepe in classe, Cia replica: "Volevo solo dimostrare la libertà delle scuole"

I più letti della settimana

  • Valsugana, incidente a Tezze: cinque feriti, sul posto anche l'elicottero

  • Ghiaccio sulla Valsugana: tamponamenti a catena

  • A passeggio con il cane nel parco trova 2000 euro: è una parte del "bottino"

  • Incidente ad Aldeno: gravissimo 50enne

  • Tentata rapina con pistola a Martignano, vittima la commessa dell'Eurospin

  • Fermata senza patente, revisione nè assicurazione: la multa sfiora i 6000 euro

Torna su
TrentoToday è in caricamento