M49, la LAV cerca un nome per l'orso: Sergio, Martino o Libero

In tanti sui social network vedono nell'evasione dell'orso un riscatto della Natura, un simbolo di Libertà. Ma la sigla M49 è troppo "fredda"

La fuga dell'orso M49, secondo gli ultimi aggiornamenti avvistato nei boschi della collina est di Trento, è sostenuta con entusiasmo dagli animalisti, com'è naturale che sia. Al punto che un'autorevole associazione protezionistica come la LAV ha lanciato un sondaggio per decidere un nome da dare all'orso. In un post su facebook sono proposte tre possibilità: Sergio, Martino, Libero. Con un'evidente propensione per quest'ultimo nome.

"Ieri ti sei guadagnato e goduto un'altra serata al chiaro di luna. E queste serate per te dovrebbero essere un diritto. Un orso con un obiettivo può arrivare a percorrere anche 100 chilometri in un giorno, e tu il tuo obiettivo ce l'hai. La libertà!" si legge nel post.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Crediamo che dovremmo darti un nome, non basta una sigla, e crediamo che quel nome dovrebbero dartelo tutti i cittadini che sperano nella tua libertà!" conclude la nota, accompagnata dall'hashtag #M49nonèpericoloso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento