Orso M49: avvistato in paese, poi attacca un asino ed entra in due malghe

I forestali lo hanno visto mentre tentava di predare un asino e lo hanno fatto allontanare con i cani

Le impronte dell'orso a Molina

L'orso M49 si è svegliato dal letargo e, sotto la fitta nevicata di questi giorni, si è spostato dalla Val di Fiemme al Vanoi, passanso per la Val Calamento.

"L'ordinanza di cattura emessa dal presidente Fugatti è ancora valida" ricorda la Provincia con un comunicato ufficiale. Come dire: la caccia è ancora aperta, nulla è cambiato rispetto all'estate 2019, quando "Papillon", come fu soprannominato, occupava le prime pagine delle cronache locali e nazionali.

Orso M49 ancora in fuga: ecco dov'è

Nella notte tra lunedì 2 e martedì 3 marzo, con la nevicata in corso, l'animale è stato avvistato verso mezzanotte a Molina di Fiemme, in pieno centro abitato. La segnalazione dei residenti ha fatto scattare l'intervento della squadra d'emergenza della Forestale con i cani anti-orso. 

I forestali hanno intercettato M49 mentre "stava cercando di predare un asino". L'asino "è ferito e sarà affidato alle cure di un veterinario". L'orso, invece, è stato allontanato. Insomma i forestali lo hanno visto mentre stava attaccando l'asino e non lo hano catturato, ma lo hanno fatot scappare.

Il personale della forestale si è poi messo sulle tracce del plantigrado, seguendole fino ai boschi sopra gli abitati di Carano e Daiano. E' la stessa Provincia, però, ad ammettere che "Come dimostrato in diverse occasioni tali azioni, assai valide sotto il profilo tecnico, hanno peraltro dimostrato di non essere efficaci su M49".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Val di Fiemme non è l'unico territorio visitato da M49 in questi giorni. Sempre la Provincia riferisce di tentativi di intrusione in malghe del Vanoi e della Val Calamento, ovvero a diverse decine di chilometri da Fiemme, durante le quali l'orso avrebbe anche forzato porte e finestre, provocando danni all'interno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento