Orsi in Valle del Chiese e Giudicarie: 10 esemplari, arrivano le trappole a tubo

La forestale sta monitorando la situaizone cercando di capire quali siano gli esemplari più problematici, 7 gli orsi censiti in Val del Chiese, altri 3 nelle Giudicarie

Incontro tra l'assessore Dallapiccola ed i sindaci della Valle del Chiese, dove l'orso si è reso protagonista  di diversi attacchi a maiali, asini e pecore in pochi giorni. Profondo il disagio manifestato, a nome di tutta la comunità, dai sindaci. L'assessore ed i dirigenti hanno illustrato le azioni intraprese dalla provincia nella zona degli attacchi: "sono state collocate alcune trappole "a tubo" con l'obiettivo di catturare gli orsi per poterli poi collarare, operazione che consentirà, dopo la loro liberazione, di poterne registrare gli spostamenti ed i comportamenti, individuando appunto i soggetti più problematici - ha spiegato Dallapiccola - Operazioni, queste, che stanno impegnando intensamente i forestali che operano nelle zone di presenza dell'orso, ma che da sole non possono certo scongiurare altre predazioni". 

Nei boschi della Valle Rendena ci sono 7 orsi, altri 3 sono stati censiti nelle Giudicarie, numeri che appaiono stabili da cinque anni. Sppiega una nota del Servizio Foreste e Fauna. Esemplari che si sono rivelati particolarmente "confidenti" con le zone abitate. La forestale sta monitorando la zona per tentare di individuare quali siano i soggetti più "problmatici". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla questione orso, e lupo, il Trentino chiede da tempo autonomia: "Abbiamo chiesto allo Stato di darci la competenza sulla gestione dei grandi carnivori: la norma di attuazione è in attesa di essere esaminata dal consiglio dei ministri" mentre il prossimo 12 luglio ci sarà l'incontro con il neoministro dell'Ambiente Sergio Costa. Insieme al Trentino anche l'Alto Adige, la Toscana ed il Veneto chiedono di poter gestire autonomamente i grandi carnivori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento