Con la scusa degli alberi abbattuti da Vaia si aprono nuove strade nei boschi?

La denuncia dell'Osservatorio Spontaneo sul Rispetto dell'Ambiente in Trentino riguardo al caso delle Valli Giudicarie, ma i casi simili sono molti in Trentino

La tempesta Vaia, o meglio l'esigenza di rimuovere gli alberi abbattuti dal vento prima che sopraggiunga l'inverno, usata come pretesto per spianare strade nel bosco, a servizio delle aziende che provvedono all'esbosco. A lanciare l'allarme è l'Osservatorio Spontaneo sul Rispetto dell'Ambiente in Trentino, che denuncia il caso di malga Cengledino nelle Valli Giudicarie, nei cui boschi è stata aperta una strada sterrata per portare sul posto ruspe e camion.

Il tutto nel bel mezzo del Parco Naturale Adamello Brenta. Le perplessità riguardano anche il futuro: una volta ripulito il bosco dai tronchi abbattuti che fine farà la strada? Difficile "seppellirla" nuovamente. Il sospetto è che questa strada, ma anche tante altre nate con lo stesso motivo negli ultimi mesi in molte vallate trentine, possa rimanere per portare auto in quota. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Il 'gambero killer' americano trovato in Trentino

  • Previsioni del tempo, neve in arrivo anche a bassa quota

Torna su
TrentoToday è in caricamento