Lupo investito sul Baldo, l'automobilista: "Credevo fosse un cane"

Potrebbe trattarsi di un raro segnale di presenza sul versante orientale della Valle dell'Adige, dopo il recente attacco ad un gregge nel fondovalle di Ala

Lupo investito in Valsugana nell'aprile 2016

Credeva di aver investito un cane, in realtà è molto probabile che si tratti di un lupo. L'investimento è avvenuto giovedì 31 gennaio sul Monte Baldo in territorio veronese, tra Caprino e Spiazzi, a pochi chilometri dal confine con la provincia di Trento.

Secondo quanto riporta il quotidiano online Verona Sera (clicca qui per leggere l'articolo) la carcassa dell'animale è stata prelevata dai carabinieri forestali e sarà sottoposta ad esame del dna.

Se fosse confermato che si tratta di un lupo si tratterebbe di un raro segno della presenza del carnivoro nel Trentino orientale meridionale. Presenza ipotizzata già nnel 2017 ma mai definitivamente accertata. 

A dividere il Monte Baldo dall'area di maggior diffusione del lupo, ovvero la Lessinia, c'è infatti la valle dell'Adige, fortemente antropizzata, e soprattutto la barriera "umana" della A22. 

L'esemplare investito sul baldo potrebbe essere uno dei cuccioli della coppia dei Lessini: un lupo "in dispersione", come si dice in gergo, che si allontana dal branco per insediarsi in altri territori. Nel Trentino orientale la presenza del lupo finora è accertata solamente in Alta Val di Non e Val di Rabbi, dove i lupi sono arrivati dalla vicina Lombardia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

  • "Addio Betta, un esempio per tutti noi": soccorritrice stroncata dalla malattia

Torna su
TrentoToday è in caricamento