Lupo, cibo gratis per i cani da guardiania

Otto aziende trentine, dove "lavorano" 26 cani pastore, aderiscono al progetto di Almo Nature: "Piangere non serve, bisogna gestire il bestiame in maniera differente"

Cibo gratis per un anno alle aziende agricole che hanno cani da guardia contro i lupi. E' quanto prevede il  progetto "Farmers & Predators", ovvero contadini e predatori, di Almo Nature, azienda produttrice di cibo per cani.  In Trentino il  protocollo è stato sotttoscritto da otto aziende agricole: 26 pastori maremmani ed un san bernardo avranno la "pappa" assicurata per tutto il 2018, 500 grammi al giorno, per un totale di 1.620 chili di alimento secco. I grandi cani bianchi sorvegliano e difendono le greggi di pecore e vacche, mentre il 'gigante delle Alpi', dato il suo carattere molto territoriale, protegge il vigneto ed il raccolto.

Le aziende sono: l’agriturismo Malga Riondera di Ala, l'azienda agricola Viola Bruno a Predaia, l’agriturismo Maso Pertener a Comano Terme, l’azienda Maso Eden a Vigo Cavedine, l’azienda agricola Paolo Chistè e l’azienda agricola Grosselli Lino a Madruzzo, l’azienda agricola Zanoni Ivan a Cloz e l’agritur Maso Lena a Predazzo.

"Il lupo non è cattivo, è furbo. Una buona soluzione è studiarlo per capire i suoi comportamenti e prevenire il più possibile i suoi attacchi – spiega Bruno Viola, presidente dell’Associazione per la Difesa del Patrimonio Zootecnico dai Grandi Predatori – Piangere non serve, bisogna accettare di gestire il bestiame in maniera differente dal passato e valorizzare il lavoro del pastore che, con il prezioso aiuto dei cani da conduzione e soprattutto da guardiania, affiancati da adeguate recinzioni per il ricovero degli animali, gioca un ruolo fondamentale in questo difficile conflitto".

“ Il lupo c’è ed è un elemento fondamentale dell’ecosistema. L’unica vera soluzione è quella di organizzarsi per potersi difendere al meglio, nel pieno rispetto della natura e della biodiversità. – spiega Camila Arza Garcia, responsabile del progetto Farmers&Predators di Almo Nature – Ci schieriamo dalla parte del lupo e sosteniamo tutti quegli allevatori che scelgono la via della prevenzione. Supporteremo la produzione alimentare, di qualità certificata, di tutti gli allevatori che si impegneranno a non uccidere i predatori perché questa non sarà mai la soluzione alle difficoltà economiche del lavoro”.

L'azienda specializzata nel pet food è diventata una Fondazione: significa che tutti i profitti potranno essere reinvestiti in progetti come questo. Un aiuto concreto per gli allevatori che scelgono di utilizzare soluzioni concrete per un problema, inutile negarlo, altrettanto concreto. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabinieri di Trento, sequestrate 50mila confezioni di cosmetici all'arnica per mezzo milione di euro

  • Paura per un grave incidente a Mattarello: pedone travolto mentre attraversa sulle strisce

  • Incidenti, si schianta con l'auto contro un muretto: morta mamma di quattro figli

  • Autovelox sulle strade trentine, ecco dove saranno a gennaio

  • San Giovanni di Fassa, guida ubriaco l'auto di un altro: patente sospesa per due anni

  • A 176 all'ora in galleria: beccato con il telelaser

Torna su
TrentoToday è in caricamento