Lupo sul Baldo: un alpaca morto ed un altro ferito

Prima predazione quasi certamente attribuibile al grande carnivoro sulle montagne tra Trento e Verona

L'alpaca ferito, foto di Elalpaca su facebook

Mentre in Trentino imperversa la questione orso, con il braccio di ferro tra Ministero dell'Ambiente e Provincia nel quale è stato chiamato in causa anche Salvini, sul monte Baldo, pochi chilometri oltre il confine con la provincia di Verona, è il lupo a prendersi le prime pagine dei giornali locali.

Un alpaca morto, un altro ferito

Risale a qualche giorno fa l'episodio che ha messo in allarme allevatori e turisti della montagna a cavallo tra le due province: un alpaca dell'allevamento a Bocca Tratto Spino, sul Telegrafo, è stato sbranato ed un altro è è stato ferito dal morso di un canide, quasi certamente un lupo.

Leggi la notizia su VeronaSera, clicca qui...

Si tratterebbe dunque del secondo segno della presenza del carnivoro sul Baldo in pochi mesi. Molto probabilmente si tratta di qualche esemplare "trasferitosi" dal vicino branco della Lessinia, dopo un breve transito in valle dell'Adige, come testimonia anche l'attacco ad un gregge nella zona di Ala.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Inutile maledire gli animalisti"

Il lupo dunque avrebbe superato la barriera naturale costituita dall'Adige e quella artificiale della A22. «Inutile maledire l'universo degli animalisti e la loro idea talebana di natura - si legge nel post su Facebook di Elalpaca, l'allevamento di Tratto Spino - Auspico solo che ci sia un immediato intervento da parte delle autorità e una reazione da parte di chi sulla montagna ci vive e lavora».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Supermercati: vietato scegliere quello più conveniente, spesa solo vicino a casa

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Contagi stabili, positivo un tampone su 10. Mascherine: "Ci vuole tempo perchè le sigilliamo"

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus: si va verso la proroga fino al 30 aprile, arriva il "mini-reddito" anche per chi è in nero

Torna su
TrentoToday è in caricamento