Lupo, il ministro: "No agli abbattimenti, servono interventi innovativi"

Definitivo stop alla richiesta del Trentino, seguito da altre regioni, di "abbattimenti selettivi"

Un lupo ucciso, illegalmente, in Lessinia

Il lupo è salvo. Non sono previsti gli "abbattimenti controllati", che tanto hanno fatto discutere, nel nuovo Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia elaborato dal Ministero dell'Ambiente. E' questa la principale notizia legata alla presentazione del documento redatto dal Ministero dopo le consultazioni con Regioni e Province autonome. Il nuovo Piano aggiorna il precedente, vecchio di 16 anni. 

Val di Fassa: attira il lupo in giardino per farsi un selfie

Com'è noto il Trentino si era presentato come capofila dei territori che chiedevano la possibilità di poter operare "prelievi", nella misura del 3%, in caso di esemplari particolarmente "confidenti" con l'uomo. La proposta era stata presentata dalla precedente amministrazione provinciale, ma portata avanti anche dalla nuova Giunta leghista trentina, con la neo assessora alle Foreste che aveva annunciato il "pugno duro" sulla gestione del lupo.

Lupi: Fugatti chiede l'impiego della Polizia

La legge provinciale era stata in seguito impugnata dal nuovo ministro dell'Ambiente Sergio Costa, che con questo atto dà un messaggio definitivo a chi chiedeva di poter usare i fucili. Non solo: si ribadisce un coinvolgimento maggiore del dicastero nella gestione del lupo, con tutti i problemi che ne conseguono dal punto di vista della competenza nella provincia autonoma. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non servono abbattimenti - ha dichiarato il ministro ai cronisti dell'Ansa - ma una strategia che abbiamo delineato in 22 azioni concrete". Prevenzione attiva, gestione del conflitto, informazione alla popolazione: queste le parole chiave del nuovo Piano, nel quale per la prima volta si parla anche dell'impatto dei cani randagi sulla popolazione dei lupi italiani, e delle possibili ibridazioni.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

  • Terribile schianto sulla tangenziale di Lavis: due feriti gravi

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

Torna su
TrentoToday è in caricamento