Ritrovata sulle Pale di San Martino una specie di coleottero ritenuta estinta

Il Leistuts punctatissimus venne classificato per la prima, e unica, volta nel 1914. Ora i ricercatori dell'Università della Calabria e del Parco di Paneveggio lo hanno "riscoperto"

Leistus, fonte: wikipedia

Si pensava fosse estinto, ed invece il Leistus punctatissimus è vivo e sta bene sull'Altopiano delle Pale di San Martino. La notizia è stata diffusa daRoberto Pizzolotto e Pietro Brandmayr che, in collaborazione con il Parco Naturale di Paneveggio - Pale di San Martino, hanno ritrovato alcuni esemplari nell'area dolomitica.

La prima ed unica segnalazione di questa specie di coleottero appartenente alla famiglia dei carabidi risale a più di 100 anni fa: nel 1914 il nome scientifico fu pubblicato per la prima volta da Breit.

Quella dei carabidi è una famiglia di coleotteri diffusa in tutto il mondo con oltre 40.000 specie. Di queste 1300 sono distribuite in Italia. Il punctatissimus è caratterizzato da una colorazione marroncino chiaro, con la presenza di microfossette su tutto il corpo, che sembrano dei piccolissimi puntini, da cui il nome latino.

La scoperta è frutto di una ricerca che prosegue da anni volta a classificare le  specie di coleotteri presenti nel parco. Una notizia molto positiva perchè sottolinea le buone condizioni ambientali dell'area nelal quale questo rarissimo coleottero è stato ritrovato... un secolo dopo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Campiglio, drammatico incidente sugli sci: gravissima una ragazza di 25 anni

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

Torna su
TrentoToday è in caricamento