"Salviamo il lupo": 440mila firme consegnate al Ministro contro la legge trentina

Animalisti Italiani onlus dal Ministro, che conferma l'impugnativa contro la legge provinciale sulla possibilità di "rimozione" degli esemplari pericolosi

"Abbiamo consegnato al Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, oltre 443 mila firme (change.org/salvaillupo) contro l’abbattimento dei lupi. Abbiamo avuto conferma che sarà il prossimo Consiglio dei Ministri ad approvare ratifica ed esecuzione in tema di giudizi d’impugnazione sulle leggi regionali che prevedono deroghe al regime comunitario di protezione di lupi e orsi"

Così in una nota Walter Caporale, Presidente di Animalisti Italiani onlus riporta le rasicurazioni del neo-ministro che, all'indomani dell'approvazione da parte del Consiglio provinciale trentino della norma "ammazza-lupoi" aveva già annunciato sulla stampa  nazionale la volontà di impugnare tale legge, in nome della competenza statale. Le  firme in questione, ovviamente, sono digitali,  ma certificate dalla piattaforma Change.org e, altrettanto ovviamente, non sono state raccolte  solamente in Trentino.

“Il Ministro Costa ha accettato con grande piacere - prosegue - la petizione lanciata da Rinaldo Sidoli, promotore della campagna 'Salva il Lupo’. Abbiamo richiesto di impegnare il Governo, in aderenza al Contratto che prevede l'inasprimento delle pene per i reati contro gli animali e l'ambiente, il non recepimento della 'condizione' dettata dalle Regioni".

Potrebbe interessarti

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

Torna su
TrentoToday è in caricamento