Lampioni telecontrollati: si risparmia il 25%

Il Comune ha presentato i dati sul risparmio ottenuto con il telecontrollo di circa 800 punti luce grazie ad un progetto finanziato dalla Provincia, l'idea è di estendere il controllo via wireless a tutti i 14.500 punti luce dell'illuminazione pubblica

foto: Michael Marshall

Un sistema di controllo wireless dell'illuminazione pubblica che consente di controllare in maniera indipendente circa 800 punti luce dei 14.500 presenti sul territorio comunale di Trento: il progetto è stato finanziato interamente dalla Provincia per un costo complessivo di 299.807 euro e consente un risparmio di energia stimato in circa 24.000 euro all'anno ovvero il 25% del costo attuale. In pratica l'intervento sarà "ammortizzato" in circa 12 anni. I punti luce controllati saranno quelli del centro storico e della collina est. Il telecontrollo dell'illuminazione pubblica a Trento è attivo dallo scorso ottobre, oggi il Comune ha presentato i dati riportati qui sopra circa il risparmio energetico stimato ed ha annunciato di voler estendere il progetto fino a coprire il 100% dei punti luce presenti in città e nelle frazioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento