Orso e lupo in Trentino: tutti i dati. La spesa per la prevenzione supera quella dei danni

E' stato pubblicato l'annuale Rapporto Grandi Carnivori: ecco i numeri degli esemplari presenti, ma anche degli indennizzi e degli investimenti in prevenzione

In Trentino ci sono almeno 39 orsi la cui presenza è accertata e documentata, ma la popolazione è stimata tra i 60 ed i 78 esemplari. La diminuzione degli esemplari accertati, rispetto ai 43 dell'anno precedente, è dovuta alla decisione di interrompere il monitorggio sistematico, attraverso trappole, nel 2018 a favore di quello opportunistico, ovvero con il  solo rilevamento di tracce organiche ritrovate in natura. 

I dati sono contenuti nel Rapporto Orso pubblicato nei giorni scorsi dalla sezione Grandi Carnivori del Servizio Foreste e Fauna. Una presentazione che quest'anno è avvenuta un po' "in sordina", data la decisione della nuova assessora alle Foreste Zanotelli di non tenere la consueta presentazione pubblica al Muse.

Il 2018 si è rivelato un anno con un alto tasso di natalità tra gli orsi trentini. I cuccioli sono più di 20, tra i 21 ed i 23 stimati. In conseguenza di ciò, nonostante la diminuzione del numero minimo accertato, il trend della popolazione ursina è in crescita, peraltro costante negli ultimi 4 anni. Popolazione che, anche quest'anno, rimane confinata nel Trentino occidentale.

Diverso il discorso per il lupo, passato da tre a sette branchi nel corso di tre anni. Gli esemplari stimati sono 35, ma occorre tenere conto che la maggior parte dei branchi gravita tra Trentino e Veneto, oppure al confine con l'Alto Adige, ad esclusione del branco dell'Alta Val di Non.

Nel 2018 sono stati accertati 222 danni da grandi carnivori dei quali 157 da orso e 65 da lupo. Nel 97% dei casi alla denuncia di danno è seguito un sopralluogo del personale forestale, che ha redatto il verbale di accertamento. Sono stati complessivamente liquidati 171.567 euro di cui 94.977 per danni da orso e 76.589 per danni da lupo.

Il vero boom è nelle richieste di finanziamenti per opere di prevenzione quali recinzioni, anche elettrificate, e cani anti-lupo. Si è passati da poco meno di 80.000 euro di contributi di questo tipo nel 2017 a quasi 150.000 euro nel 2018. Si tratta però, è bene ricordarlo, di attrezzature fornite in comodato d'uso gratuito o di finanziamenti in conto capitale.

A questa cifra vanno aggiunte le spese per opere sperimentali oppure realizzate attraverso il PSR, Piano di Sviluppo Rurale europeo. Considerando questo tipo di opere l'investimento in prevenzione del 2018 arriva a 254.390 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In tutte le malghe in cui sono state realizzate recinzioni elettriche per la protezione del bestiame bovino non sono mai avvenute predazioni, sia a danno del bestiame  protetto sia di quello non protetto, si legge nel rapporto. Per la protezione del bestiame ovino e caprino la soluzione più utilizzata è quella dei cani da guardianìa: sono 57, distribuiti in 23 aziende agricole, di cui 24 consegnati nel 2018.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

Torna su
TrentoToday è in caricamento