Stop alle derivazioni idroelettriche private (con contributi pubblici) sul fiume Noce

Italia Nostra ed il Comitato di Salvaguardia chiedono alla provincia di rispedire al mittente le circa 30 domande ancora in sospeso per concessioni idroelettriche sul Noce

Blocco immediato delle circa 30 domande di concessione per derivazioni idroelettriche sul Noce, che deve vivere di rafting e kayak, almeno nell'ultimo tratto rimasto libero da Monclassico a Mostizzolo. E' questa  la richiesta che arriva dalla conferenza stampa convocata oggi a Trento da Italia Nostra e dal Comitato per la Salvaguardia del Fiume Noce, da anni attento alla questione. Il numero di  domande è così alto perchè legato a contributi pubblici, senza i quali molti dei progetti privati in ballo non sarebbero sostenibili, inoltre l'attuale normativa non distingue tra interesse pubblico ed iniziativa privata per le concessioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

  • Terribile schianto sulla tangenziale di Lavis: due feriti gravi

Torna su
TrentoToday è in caricamento