Al Bicigrill di Faedo la ciclabile si illumina "da sola" grazie al progetto degli studenti di Ingegneria

Ecco il progetto dell'associazione studentesca Acropoli e del Bicigrill BikeBreak: un tratto della ciclabile si illumina dopo il tramonto senza impianto elettrico

Una pista ciclabile illuminata di notte... senza impianto elettrico. La proposta arriva dall'associazione Acropoli che riunisce alcuni studenti del Dipartimento di Ingegneria di Mesiano. Il progetto è stato commissionato dal Bicigrill BikeBreak di Faedo, dove verrà svelato venerdì 22 settembre alle ore 20.00. Gli studenti di Acropoli hanno infatti realizzato un prototipo su un piccolo tratto di pista ciclabile in prossimità del bicigrill in località Masetto. Questo primo tratto, illuminato grazie a particolari vernici fotoluminescenti che si attivano dopo il tramonto, potrà essere prolungato lungo vari tratti della ciclabile. Oltre alle linee che delimitano la pista le vernici sono state usate anche per illuminare la segnaletica verticale disposta su pali a sezione quadrata posizionati a 45% rispetto al verso di percorrenza in modo da rendere visibili i messaggio in entrambe le direzioni di marcia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso si avvicina all'escursionista e lo segue: l'incontro è avvenuto in Val di Non

  • Coronavirus, rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: focolaio in Trentino

  • Viveva in Trentino e aveva circa 20 anni il ragazzo trovato morto su un treno

  • Allerta meteo in Trentino: in arrivo nubifragi e grandine

  • Trovato il corpo senza vita di un giovane sopra al treno proviente da Trento

  • Cade nel fiume: ripescato vivo un chilometro e mezzo a valle, è grave

Torna su
TrentoToday è in caricamento