Candele tra i vigneti contro le gelate notturne: la foto è spettacolare

Scenario molto suggestivo, ma l'obiettivo è quello di scongiurare gravi danni all'agricoltura

foto via facebook Abbazia di Novacella

Candele tra i vigneti per "scaldare" la notte: l'immagine, decisamente suggestiva, nasconde in realtà una situazione che potrebbe avere dei risvolti drammatici per l'agricoltura. Le candele anti-gelo sono state accese nella notte tra lunedì 6 e martedì 7 maggio nei vigneti dell'Alto Adige per scongiurare il rischio di gelate notturne dovute alle rigide temperature, decisamente inattese in questi primi giorni di maggio.

La foto si riferisce ai vigneti nella zona dell'Abbazia di Novacella. Era dal maggio 1987 che non si registravano temperature così basse in questa stagione. In altre zone dell'Alto Adige, dove è prevalente la coltura del melo, sono state attivate le girandole anti-brina, che creano sugli alberi un sottile strato di ghiaccio per proteggere i piccoli frutti appena spuntati.

In Trentino i fuochi anti-gelo sono stati accesi soprattutto i Val di Non e Valsugana, a medie quote, dove fortunatamente i danni dovrebbero essere limitati. "Alcuni danni qualitativi sono stati registrati in val di Non e in Valsugana, in particolare su frutteti in avvallamenti sensibili, dove le temperature registrate dalle capannine meteo di Meteotrentino sono scese qualche grado sotto lo zero", afferma Andrea Berti, direttore di Codipra Trento.

Nella notte appena trascorsa lo zero termico non è sceso sotto i 700 metri, risparmiando così la maggior parte dei meleti ed i vigneti. A "riscaldare" di qualche grado, rispetto alle previsioni, la notte è stato il vento. Già da oggi, martedì 7 maggio, è previsto un aumento delle temperature, specialmente nei valori minimi. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ovuli di coca ed eroina: fermati al Brennero con 2,5 chili nello stomaco

  • Attualità

    Riaperta la strada di Cembra, chiusa per frana

  • Politica

    Pesticidi: il clorpyriphos doveva essere bandito in Trentino dal 2016

  • Cronaca

    Pregiato Bordeaux francese, in realtà vino da 2 euro: ecco la truffa

I più letti della settimana

  • Incidente mortale, esce di strada e finisce in un burrone: morto 38enne

  • Ragazzo scomparso da casa, l'appello su facebook: "Aiutateci a ritrovarlo"

  • E' Cristina Pavanelli, trentina, la donna morta sul Flixbus in Germania

  • Forbes, 5 città italiane da visitare prima che lo facciano tutti: Trento c'è

  • Malore alla guida: accosta con l'auto e urta un'Ape

  • "Salvini togli anche questi": a Trento arriva la 'protesta dei lenzuoli bianchi'

Torna su
TrentoToday è in caricamento