Maltempo: danni ad un terzo dei sentieri

La SAT: "La priorità è riaprire quelli che conducono ai rifugi, in certi casi è fisicamente impossibile passare"

Il conto, purtroppo,è presto fatto: un terzo dei sentieri trentini ha subìto i danni del maltempo di fine ottobre. Su 5.500 chilometri totali ben 1.800 riportano dei danni. Questi i numeri forniti dalla SAT, che gestisce i sentieri in tutto il Trentino, alla Commissione speciale istituita dalla Provincia per il ripristino di boschi e sentieri distruttidall'ondata di maltempo del 27 ottobre scorso.

In alcuni casi il transito a piedi è completamente bloccato dagli alberi abbattuti dal vento. La priorità, hanno detto i responsabili della SAT, sarà quella di liberare i sentieri che conducono a rifugi i quali, non avendo riportato danni, possono essere tranquillamente aperti in vista della bella stagione.

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Orso: dopo le api questa volta la vittima è una mucca, uccisa a passo Oclini

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento