Esami a settembre: 200 docenti a favore della proposta di Bisesti

I vecchi esami di riparazione, rilanciati dall'assessore, piacciono a 200 docenti, sui 3.200 in servizio presso le scuole medie e superiori trentine

Esami a settembre, come una volta. La proposta dell'assessore all'Istruzione Mirko Bisesti piace ai docenti trentini. Almeno ai 222 che hanno firmato una sottoscrizione a sostegno dell'ipotesi, lanciata dall'assessore leghista qualche tempo fa.

Gli studenti trentini, anche quelli con debiti formativi, possono passare le vacanze in relativa tranquillità: la strada necessaria affinchè l'idea diventi norma è lunga, ma Bisesti, forte del sostegno dei docenti, mette le mani avanti e parla già dell'anno scolastico 2020/2021.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Certo, va tenuto conto che i docenti che si sono dichiarati a favore sono 222 sui circa 3.200 che occupano le cattedre di medie e superiori in Trentino. Un segnale, in ogni caso, di interessa da parte del mondo della scuola verso una norma che sostituirebbe l'attuale sistema dei debiti formativi, le cui modalità di sono spesso lasciato alla discrezione delle scuole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola: la Provincia lancia due mega-concorsi per assumere insegnanti

  • Diagnosi del coronavirus con gli ultrasuoni: lo studio dell'Università di Trento

  • L'Università stanzia un milione di euro per la ricerca sul coronavirus

Torna su
TrentoToday è in caricamento