Il Requiem di Giuseppe Verdi nella Chiesa di San Francesco Saverio

Domenica 14 maggio, alle ore 18.30, presso la Chiesa di San Francesco Saverio, l’Orchestra “I Filarmonici” di Trento eseguirà la Messa da Requiem di Giuseppe Verdi.

Prenderanno parte all’esecuzione, l’Orchestra “I Filarmonici” di Trento, diretti dal maestro Alessandro Arnoldo, quattro solisti: Rosanna Lo Greco, soprano; Chiara Fracasso, mezzosoprano; Camillo Facchino, tenore e infine Maurizio Franceschetti, basso. Il Coro “Città di Piazzola sul Brenta” è istruito dal maestro Paolo Piana.

La serata sarà, inoltre, occasione di sensibilizzazione dell'associazione Amici della Fondazione Hospice Trentino Onlus, per informare sulle tematiche inerenti le possibilità di intervento-sollievo per chi soffre di una malattia non guaribile e far crescere una cultura del coinvolgimento di fronte ai bisogni di malati e famiglie.

Il Requiem venne eseguito per la prima volta il 22 maggio 1874 nella Basilica di San Marco a Milano, dirigeva lo stesso Verdi. Composto dal grande operista per commemorare il primo anniversario della scomparsa di Alessandro Manzoni, il Requiem emerse subito quale universale messaggio di pace e consolazione rivolto all’umanità. Il successo di pubblico e critica fu immediato e la partitura iniziò a viaggiare: Roma, Venezia, Parigi, Londra e da allora è rimasta sempre in repertorio.

Più che di musica sacra si potrebbe parlare di musica spirituale, fatta da un uomo per gli uomini, nel tentativo di offrire un po’ di conforto, non certo una risposta definitiva, al mistero della vita e della morte. Nel Requiem ascoltiamo il grido di dolore del “Dies Irae”, il pentimento e il rimorso nell’”Ingemisco”, la compassione nel “Lacrymosa” ed infine la pace, vera dimensione dell’uomo, nel “Libera me”.

Di fatto il Requiem è partitura di estrema finezza compositiva. Verdi non scriveva più da due anni e, dopo i vertici raggiunti con Don Carlo e Aida, apriva con il Requiem l’ultima fase del suo genio creativo, che avrebbe dato frutti così innovativi da segnare per sempre la storia della musica. Tra i tanti elogi ricevuti da Verdi per il suo capolavoro sacro, emerge quello di Johannes Brahms che disse: «solo un genio può scrivere tali opere».

Orchestra “I Filarmonici” di Trento

Maestro Concertatore Alessandro Arnoldo

Con il sostegno di: Tecnoservizi 2000, Etc engineering, Ennetre Fenster, Saturnia tipografia, BLACKOUT Events.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Al MUSE un coro di montagna ogni domenica

    • Gratis
    • dal 7 aprile al 26 giugno 2019
    • MUSE - Museo delle Scienze di Trento
  • Massimo Ranieri in concerto a Trento

    • solo domani
    • 23 maggio 2019
    • Auditorium Santa Chiara
  • Suoni delle Dolomiti, concerto con Vinicio Capossela per l'anteprima

    • 11 giugno 2019
    • Malga Costa

I più visti

  • 'Shit', le foto di Erik Kessels sui soldati tedeschi che defecano mostrano che la guerra non ha dignità

    • dal 15 maggio al 15 giugno 2019
    • Foto Forum, Bolzano
  • 50 anni dall’allunaggio: storia e prospettive dell’esplorazione spaziale

    • dal 8 dicembre 2018 al 21 luglio 2019
    • Fondazione Museo Civico
  • Cena in bianco e verde con una mega tavolata di 500 metri in piazza

    • 1 giugno 2019
  • Orchidee da tutto il mondo al Muse: a maggio la mostra mercato

    • dal 25 al 26 maggio 2019
    • Muse
Torna su
TrentoToday è in caricamento