Domeniche gratis nei musei: cambiano le regole anche in Trentino

La Giunta provinciale ha deliberato una modifica che recepisce le nuove modalità a livello nazionale

Anche maggio ha avuto la sua "domenica al museo", e sono stati tanti gli appassionati che nella giornata di ieri, domenica 5 maggio, hanno colto l'occasione per una visita nei museie nei castelli provinciali ad ingresso gratuito. Le regole però stanno per cambiare: la Giunta provinciale ha recentemente deliberato una modifica nel sistema di tariffazione che recepisce le novità a livello nazionale.

Quella della prima domenica del mese a porte aperte era un'iniziativa introdota dal precedente ministro dei Beni Culturali Franceschini. L'attuale ministro Bonisoli ha introdotto un sistema diverso: non più una domenica al mese ma una settimana all'anno tra gennaio e marzo, tutte le domeniche tra ottobre e marzo ed altre otto giornate a disposizione di ogni singolo museo.

In pratica le giornate ad ingresso gratuito aumentano da 12 a 20 ma non ci sarà più l'appuntamento fisso della prima domenica del mese, soprattutto a discapito dell'estate, a meno che isingoli musei non decidano di utilizzare  le otto giornate a disposizione proprio nel periodo estivo.

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • A22 da "bollino nero": code da Bressanone ad Affi

  • Val Daone: 15 mucche spaventate dal temporale cadono in un dirupo

I più letti della settimana

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones: la pioggia non ferma la festa

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento