Imprenditore dona alla Provincia 195.000 euro per acquistare l'archivio Caproni

L'importante donazione servirà ad acquisire 12mila documenti riguardanti la storia dell'azienda trentina e del pioniere dell'aeronautica

Il Museo Caproni all'Aeroporto di Trento

Una donazione privata a favore della Provincia di 195.000 euro per sostenere l'acquisizione da parte della Provincia autonoma di Trento del materiale archivistico appartenente al patrimonio Caproni. A donare la somma è Mario Federighi, imprenditore pisano e amministratore unico della Società “Farmigea S.r.l.”, che nei giorni scorsi ha incontrato a Trento il presidente della Provincia Ugo Rossi.

“Non è cosa ricorrente” ha precisato Rossi durante il colloquio “trovare un imprenditore che rappresenti così concretamente con un importante gesto di donazione la sua passione per la storia del volo e per Caproni. Sicuramente il progetto culturale e la serietà con cui la Provincia di Trento porta avanti l’iniziativa hanno contribuito a rafforzare e sostenere questo importante gesto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'archivio consiste in 12.354 documenti di vario genere fino a ieri di proprietà della famiglia Caproni, discendenti di Gianni Caproni, arcense, pioniere dell'aeronautica italiana. Nel 2015 la Provincia aveva iniziato una prima fase di catalogazione e studio del fondo archivistico.  Il valore economico del patrimonio archivistico è stato certificato da una apposita perizia redatta dall’esperto dr. Wolfang Meighoerner.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento