Calendè, rassegna di giocoleria e tearo alla Scuola di Circo

Calendè
calendario d'inverno

rassegna di spettacoli
gennaio – febbraio – marzo 2019

presso
Scuola di circo Bolla di Sapone
Via Sant'Antonio 20 – Trento


Circo, teatro e società si incontrano in un ciclo di quattro spettacoli imperdibili, per dare spazio al divertimento e a preziose riflessioni su problematiche di forte attualità.


Spettacoli a offerta libera e consapevole, prenotazione consigliata
info e prenotazioni: www.bolladisaponetrento.it



Gli spettacoli

25 gennaio, ore 20.30
C CREDO
L’unico spettacolo al mondo con una sola lettera!
Con Michele Beltrami
Scritto da Michele Beltrami in collaborazione con Collettivo C
Musiche originali Coscarelli e I suoi fratelli
Regia Paola Cannizzaro e Michele Beltrami
Produzione Belcan

Commedia classica? Commedia contemporanea? Cabaret?
Chiamiamolo Circo Chiacchierone!
Componimento comico che coglie chiaramente certe caratteristiche comuni considerandole come contraltari con cui confrontarsi.
Cogitare coerentemente costa: chiede contemporaneamente chiarezza, caos, consapevolezza, convulsione... Cioè: completezza.
Un monologo in C per cercare possibilità per contrastare codesta crisi che ci consuma.
Lo spazio di azione è quello della mente: il cantiere creativo che contiene cose care che cominciano con C. Qui ci si rintana per trovare nuove strategie per affrontare, con ironia, questo momento di crisi economica, politica, sociale. Si cercano interlocutori con i quali
confrontarsi. Figure che hanno trovato un proprio originale modo di resistere. Bisogna resistere ed avere fede. Come Charlot. Come Ciro contadino.

Beltrami spinge fino in fondo la possibilità di sperimentare una costrizione liberatoria, trovare in quel fantasmagorico cantiere creativo che è la mente umana gli spazi per uscire dall’io e andare verso l’altro, ipnotizza il pubblico salendo e scendendo dalle parole con ritmo travolgente, incespica, cade, rotola, applaude agli spettatori, scrive lettere improbabili, interroga gli altri, i suoi rebus e le sue molteplici domande creano
mondi possibili di coesione e partecipazione.
ANGELO CALLIPO stagione Teatro a l’Avogaria VENEZIA

_____________________________



9 febbraio, ore 20.30
L'azzardo del Giocoliere
con Federico Benuzzi

Conferenza spettacolo sull’arte della giocoleria e la matematica del gioco d’azzardo

Il gioco è gioco, vero. E per riuscire, nel gioco, serve investire energia, tempo e denaro. E poi servono conoscenze, abilità, fortuna. Ma la valenza di tutto questo cambia fortemente in base al tipo di gioco: diversissimi sono infatti i giochi di destrezza, dove aumentando le ora di gioco si migliora continuamente, e il gioco d’azzardo, dove più giochi e più perdi. Ne L’azzardo del giocoliere sono proprio queste differenze che vengono messe in evidenza, passando attraverso stupore e divertimento, per arrivare a dare motivazioni forti del perché non giocare d’azzardo.

L’azzardo del giocoliere è esattamente a metà strada tra una conferenza ed uno spettacolo, alternando esibizioni tecniche a spiegazioni matematiche, teatro d’attore a giocoleria. Divertente, energico, istruttivo, interessante, sorprendente ma al contempo rigoroso, è adattissimo sia per ragazzi (scuole medie inferiori e superiori) che per adulti.

Già portato, tra l’altro, sul palcoscenico della serata di chiusura de “La Settimana della Scienza” di Gallarate (2015), dentro il progetto di sensibilizzazione “Il nostro gioco” realizzato dall’associazione Spazio Giovani (2015, 2016, 2017, 2018 in collaborazione con l’ASL Monza Brianza), sul palco del festival scientifico Carpi In Scienza, nel carcere di Bollate (per gli ospiti), alla chiusura di OLIFIS (Olimpiadi della Fisica), dentro la manifestazione Quartieri No Slot e in decine di scuole e teatri della penisola, ha riscosso un grande successo di critica e di pubblico.

________________________________________



22 febbraio, ore 20.30
Ah, com’è bello l’Uomo – compagnia Zenhir
di e con: Elena Bosco, Giulio Lanfranco, Flavio Cortese
aiuto alla scrittura e regia: Albin Warette


Un uomo ed una donna attraversano l’evoluzione dell’essere umano negli ultimi secoli/anni/oggi.
E’ con un circo dipinto d’umano e di gioco che i due passano dall’homo primaris, nudo e puro, all’homo superlativis, schiavo della tecnologia.
Il terzo personaggio, onnisciente e cinico, si diverte della situazione: come un regista cosmico dispensa regali provocando i cambiamenti.

La storia della storia. Due esseri umani, circondati dal contesto reale, fanno del loro meglio per interagire tra loro. Sociologia? Psicologia? Critica? Questione di punti di vista, di sicuro intraprendenza.
Un duo più uno, un trio traballante, che divertendosi della sua incoscienza, avanza a scatti in un mondo che va più veloce dell’uomo.

La scala d’equilibrio, il mano a mano, le verticali, l’acrobatica e la danza sono le discipline nelle quali Giulio Lanfranco e Elena Bosco sono specializzati.
Il duo si è impossessato di ogni disciplina per deformarla e mescolarla: si gioca con verticali incastrate nella scala o equilibri al limite del possibile, colonne a tre con la scala in prima o seconda altura.

DICONO GLI ARTISTI
"Il nostro obiettivo è portare uno sguardo tenero ed acerbo sulla comunicazione che tanto è cambiata in due o tre generazioni. Lo spettacolo esplora con entusiasmo i diversi modi di comunicare e le maniere di relazionarsi, cristallizzandosi, ovviamente, attorno agli smartphone (e derivati).
Non abbiamo, però, nessuna intenzione di denunciare questo cambiamento ma solo evocarlo con sincerità, portando uno sguardo onesto su questo nuovo mondo, poiché in fin dei conti, nessuno ne scampa."

Consigliato a un pubblico dagli 11 anni in su.

________________________________________


22 e 23 marzo, ore 20.30
193 Problemi
della compagnia LadenClasse

“193 problemi” è una riflessione sulle aggregazioni umane, sulle loro difficoltà, portata avanti all’insegna dell’ironia.
Le arti circensi accompagnano in modo surreale situazioni bizzarre in cui i personaggi si trovano ad affrontare in maniera simbolica i loro problemi.
La firma artistica della compagnia oscilla tra atmosfere oniriche e hard rock da garage.

Lo spettacolo si presenta al pubblico come una sorta di esperimento sociale, in cui gli individui selezionati non hanno caratteristiche adatte a creare un progetto comune, ma nel quale, attraverso l’ostinazione, riusciranno comunque a portare avanti l’azione scenica.

I 193 problemi a cui il titolo fa riferimento, sono parte di una lista che ispira in maniera ironica il lavoro della compagnia, raccogliendo imprevisti, disavventure, incidenti, più o meno gravi, accaduti ai componenti durante i due anni di creazione.
I problemi entrano nella scena e ne diventano il motore, in maniera più o meno esplicita, conferendo alle situazioni un colore tragicomico che vuole nel contempo far sorridere e riflettere.

193 problemi riporta sulla scena le difficoltà del collettivo, che vanno dal banale incastro delle rispettive abitudini, a problematiche molto più influenti… Tra queste, risalta il tema delle barriere transnazionali, che, ponendo ancora oggi limiti alla circolazione degli individui, ostacolano la libera creazione artistica tra artisti appartenenti a paesi diversi.


________________________________________


Spettacoli a offerta libera e consapevole, prenotazione consigliata
info e prenotazioni: www.bolladisaponetrento.it


Sostegno "Panca d'Oro"

Sostenendo il progetto "Panca d'Oro" puoi diventare anche tu un mecenate, oltre ad assicurarti il migliore posto sala. Con un offerta minima di 50 € otterrai un posto prenotato per tutti e quattro gli spettacoli nella fila migliore e l'ingresso prioritario e gratuito agli spettacoli. Una sorta di abbonamento, ma potete notare che difficilmente verrà scelto per la sua convenienza (la somma dei prezzi consigliati, è inferiore al costo della partecipazione a Panca d'Oro). Sostenere la rassegna in questo modo è dichiaratamente un atto di apprezzamento e di fiducia, un segnale di incoraggiamento per l'organizzazione di una rassegna che di per se non sarebbe alla portata di una piccola realtà associativa come la nostra.
Potete partecipare al progetto anche regalando il posto sulla "Panca d'Oro" a un caro amico, a un parente...Natale è dietro l'angolo...quale regalo migliore di questo? Già vi ringraziamo, anticipatamente!


Prenotazioni e biglietteria

Per prenotare i singoli spettacoli o aderire al progetto "Panca d'Oro" pioi accedere al modulo di raccolta dati con il link
https://goo.gl/forms/O9toP5Yyz3BHeIaX2

- Si ricorda di presentarsi in biglietteria circa 30 minuti prima dell'inizio dello spettacolo per confermare la propria presenza e ritirare il talloncino per accedere allo spettacolo.

- Gli spettacoli sono a offerta LIBERA e CONSAPEVOLE, troverete un cappello all'uscita degli spettacoli. Come metro di misura ci sentiamo di consigliare 10 € gli adulti e 7 € i bambini. Certi che la vostra generosità possa andare ben oltre, vi aspettiamo numerosi.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Stagione del Teatro di Meano: da Goldoni a De Andrè

    • dal 27 ottobre 2018 al 30 marzo 2019
    • Teatro di Meano
  • RavinAteatro - stagione teatrale 2019

    • dal 19 gennaio al 30 marzo 2019
    • Teatro C. Dematté a Ravina
  • Calendè, rassegna di giocoleria e tearo alla Scuola di Circo

    • dal 25 gennaio al 3 marzo 2019
    • Scuola di Circo "Bolle di Sapone"

I più visti

  • Al via la nuova stagione del Cineforum del Teatro San Marco

    • dal 2 ottobre 2018 al 12 marzo 2019
    • Teatro San Marco
  • Nuova stagione teatrale all'Audiorium di Lavis

    • dal 12 ottobre 2018 al 22 marzo 2019
    • Teatro comunale di Lavis
  • Carnevale, tutti gli appuntamenti in Valle dei Laghi

    • Gratis
    • dal 10 febbraio al 10 marzo 2019
    • vedi programma
  • Stagione del Teatro di Meano: da Goldoni a De Andrè

    • dal 27 ottobre 2018 al 30 marzo 2019
    • Teatro di Meano
Torna su
TrentoToday è in caricamento