Banda Osiris in "Le dolenti note": ritratto strampalato del musicista d'oggi

A Vezzano arrivano Le dolenti note della Banda Osiris. Il più strampalato e ironico gruppo teatral-musicale italiano ha festeggiato lo scorso anno i 34 anni di tournée e, per l'occasione, ha pubblicato il libro Le dolenti note. Il mestiere del musicista: se lo conosci lo eviti (Ponte della Grazie editore) dedicato al mestiere dl musicista. La Banda ha trasformato queste pagine scritte in un viaggio musical-teatrale ai confini della realtà che sarà presentato sabato 31 gennaio, ore 20,45, al Teatro Valle dei Laghi di Vezzano nell'ambito della rassegna organizzata da Fondazione Aida (lo spettacolo sostituisce Mortaccia! La vita è meravigliosa di Veronica Pivetti, precedentemente annunciato e annullato per motivi organizzativi dell'attrice).

Sinossi: dopo essersi addentrata in modo irriverente nei meandri del complesso universo delle sette note, aver abbattuto i rigidi accademismi e le barriere dei generi musicali, intrecciando, tagliando e cucendo musica classica e leggera, jazz e rock, il furore dissacratore della Banda Osiris si concentra, in questo nuovo spettacolo, sul mestiere stesso di musicista. Con l'abilità mimica, strumentale e canora che li contraddistingue, i quattro protagonisti, Sandro Berti (mandolino, chitarra, violino, trombone), Gianluigi Carlone (voce, sax, flauto), Roberto Carlone (trombone, basso, tastiere) e Giancarlo Macrì (percussioni, batteria, bassotuba), si divertono con ironia a elargire provocatori consigli: dal perché è meglio evitare di diventare musicisti a come dissuadere i bambini ad avvicinarsi alla musica, da quali siano gli strumenti musicali da non suonare a come eliminare i musicisti più insopportabili. Attraverso musica composta e scomposta, musica da camera e da balcone, Beatles e Vasco Rossi, la Banda Osiris tratteggia il ritratto impietoso della figura del musicista: presuntuoso, permaloso, sfortunato, odiato, e, raramente, amato.

Biografia: la Banda Osiris nasce nel 1980 a Vercelli; è considerata la massima espressione in Italia della comicità nel teatro musicale. L'originalità della proposta fonde musica, teatro e comicità e riscuote un immediato successo. Il dispendio di energie, il ritmo vorticoso e le continue sorprese diventano la cifra stilistica del gruppo, la musica l'asse portante e al tempo stesso collante drammaturgico. Musica di tutti i generi miscelata con ironia e una buona dose di dissacrazione.

Numerosi gli spettacoli prodotti e le collaborazioni: da Storia della Musica vol. 1 e 2 (regia di Gabriele Salvatores) a Le Quattro Stagioni da Vivaldi (regia di Gabriele Vacis), da Guarda che Luna con Enrico Rava, Gianmaria Testa e Stefano Bollani a Primo Piano sempre con Bollani, Banda.

Nelle ultime stagioni ha contribuito al successo della trasmissione domenicale di Serena Dandini Parla con me, occupandosi della realizzazione ed esecuzione di una stralunata colonna sonora live. Proficuo anche il rapporto con i tre canali radiofonici della Rai che ha visto la Banda impegnata nel doppio ruolo di autori e conduttori in diverse trasmissioni e in quello di compositori di sigle per trasmissioni quali Caterpillar.

La Banda ha inoltre scritto ed eseguito colonne sonore per il teatro, per documentari e per il cinema.

Biglietti dai 14 ai 16 euro. Teatro Valle dei Laghi, via Stoppani Vezzano (TN) Info: tel 0461/ 340158 - www.teatrovalledeilaghi.it. Fondazione Aida tel 045/8001471 - fondazione@f-aida.it.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Vino e castagne: feste tutti i weekend di ottobre

    • Gratis
    • dal 4 al 27 ottobre 2019
    • paesi del Trentino
  • Festival dello Sport: tutti i nomi da Baggio a Ronaldo

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 10 al 13 ottobre 2019
    • Centro Storico
  • Riapre Forte Cadine: un viaggio nella storia

    • dal 20 aprile al 3 novembre 2019
    • Forte Cadine
  • Visita guidata ai misteri di Trento

    • 15 ottobre 2019
    • piazza Duomo
Torna su
TrentoToday è in caricamento