Poste: niente consegna a giorni alterni e possibilità per gli uffici periferici

Sindacati e amministratore delegato si sono confrontati anche sul rinnovo del contratto, scaduto dal 2012: confermata la disponibilità di riaprire la discussione da settembre

Su uffici decentrati e servizi di Poste spa, a cominciare dal recapito a giorni alterni, che non partirà in Trentino, si potrebbero riaprire i giochi. È quanto è emerso dal confronto dei giorni scorsi tra il nuovo amministratore delegato di Poste spa, Matteo Del Fante, e le organizzazioni sindacali. "Una prospettiva particolarmente interessante per il Trentino", commenta Daniela Tessari, che segue il comparto per Slc Cgil del Trentino.

"L'amministratore delegato ha ammesso che il recapito a giorni alterni non ha prodotti i risparmi sperati – prosegue Tessari -, dunque il piano per il momento resta congelato. Il che vuol dire, per i territorio che non avevano ancora introdotto la nuova organizzazione del servizio come il Trentino, che il recapito a giorni alterni intanto non parte. Un punto per noi molto importante visto che da mesi siamo impegnati a far comprendere i molti disagi che questa modalità avrebbe prodotto ai cittadini".

Altro punto di probabile apertura è quello sugli uffici: "Il piano di Poste prevedeva la chiusura di molti uffici decentrati in tutta Italia. Il nuovo amministratore ha annunciato di voler riprendere in mano la questione, ribadendo che la riorganizzazione deve tener conto del ruolo di presidio che gli uffici postali hanno sul territorio, anche nella logica di rivedere il loro ruolo come tramite per altri servizi. Sulla base di quanto detto si dovrebbe aprire un ragionamento da qui alla fine dell'anno e dunque non tutti gli uffici più piccoli nei territori saranno chiusi, come c'era stato ventilato", prosegue la segretaria. 

Sindacati e amministratore delegato si sono confrontati anche sul rinnovo del contratto, scaduto dal 2012. Del Fante ha confermato la disponibilità di riaprire la discussione da settembre, salvando quanto fatto fino ad oggi al tavolo del confronto con i precedenti vertici. “Adesso ci attendiamo che queste affermazioni siano seguite dai fatti. Da parte di Slc ci sarà la massima attenzione”, conclude Tessari.

Potrebbe interessarti

  • Rovereto, scoperte due specie arboree ignote alla scienza

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

  • Rientro dal Ferragosto: A22 da "bollino nero"

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

I più letti della settimana

  • Coppia di 40enni trentini nuda in un campo per fare sesso: multata

  • Incidenti, pauroso schianto moto-camper: motociclista portato via in elicottero

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Cosa fare a Trento nel week-end: musica dal vivo, feste e castelli aperti

  • Cosa fare Ferragosto: cultura, musica e buona cucina

  • Tragedia in alta quota, sbatte contro la parete e precipita: morta base jumper di 30 anni

Torna su
TrentoToday è in caricamento