Porfido: 600 lavoratori preoccupati per il contratto, pronti allo sciopero

Trattativa bloccata sul rinnovo del contratto di un settore che in Trentino occupa circa 600 lavoratori

Lavoratori pronti a mobilitarsi per il contratto nazionale nel settore porfido trentino. I sindacati chiedono un accordo che dia risposte sul piano salariale, della stabilità del lavoro e della sicurezza. Oggi l'assemblea dei lavoratori ad Albiano ha avanzato la richiesta di aumenti salariali coerenti con l’accresciuta redditività del settore, nessuna precarizzazione del lavoro e massima attenzione alla salute e alla sicurezza.

Nel settore porfido lavorano, in Trentino, circa 600 persone, nelle zone minerarie della Val di Cembra e dell'Altopiano di Pinè. A rischio ci sarebbe, spiegano i sindacati, il carattere stabile del lavoro in cava, con un'apertura alla stagionalità ritenuta "inaccettabile". Altro tasto, da sempre, dolente è il tema sicurezza: "Si punta ad affiancare alla figura del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza un rappresentante territoriale. Conosciamo le difficoltà per arrivare all’elezione degli Rls nel porfido e nel resto d’Italia non è diverso – spiegano Moreno Marighetti (Fillea) e Fabrizio Bignotti (Filca Cisl) -. Un rappresentante territoriale sarebbe meno legato alla singola azienda, avrebbe un’esperienza mirata e formazione e potrebbe contribuire in maniera estesa a diffondere un sistema di “gestione della sicurezza” in un ambiente particolarmente gravoso”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una grande manifestazione, a livello nazionale, di tutti i lavoratori del settore è stata convocata a Verona, in occasione della fiera del settore estrattivo, il prossimo 25 settembre. I lavoratori in assemblea hanno ribadito di essere pronti allo sciopero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Supermercati: vietato scegliere quello più conveniente, spesa solo vicino a casa

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi stabili, positivo un tampone su 10. Mascherine: "Ci vuole tempo perchè le sigilliamo"

Torna su
TrentoToday è in caricamento