La Sandoz sposta la produzione in Asia, l'assessore Spinelli: "Fulmine a ciel sereno"

"La Provincia è pronta a fare la sua parte" così l'assessore all'Economia commenta la notizia, inaspettata, della riduzione drastica della produzione a Rovereto

“Siamo preoccupati, ma nel contempo determinati ad affrontare la situazione con tempestività e massimo impegno”. Così l’assessore provinciale allo sviluppo economico e lavoro, Achille Spinelli, commenta la notizia, diffusa oggi da un quotidiano locale, secondo la quale la Sandoz di Rovereto, industria che produce farmaci generici, sposterà in Asia una parte preponderante della propria produzione.

“Un fulmine a ciel sereno – ha detto Spinelli – che andrebbe ad incidere negativamente dal punto di vista occupazionale su una zona, quella di Rovereto, colpita da altre crisi aziendali. Abbiamo già preso contatto con gli amministratori dell’azienda e con le forze sindacali e fisseremo al più presto un incontro, prima di tutto per capire la vera entità della situazione e poi per mettere in campo le opportune soluzioni che possano garantire i lavoratori. Useremo tutti gli strumenti a nostra disposizione".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Regole più severe per gli inquilini Itea: arriva la "patente a punti"

  • Cronaca

    Convegno "Uomini e donne": la polizia carica i contestatori

  • Cronaca

    Monte Altissimo, trovano la neve e sono senza ramponi: recuperati dal Soccorso Alpino

  • Green

    I ragazzi della Marcia per il Clima ripuliscono il fiume

I più letti della settimana

  • Giornata Mondiale della Sindrome di Down: ecco cosa significano i "calzini spaiati"

  • Tragedia a Vezzano: muore investito dal suo camion

  • A Trento quasi una famiglia su due è composta da una sola persona

  • Valsugana: centrato dall'auto al bivio di Levico, muore motociclista

  • Sbranò un bimbo, ora è stata rieducata e adottata: una seconda vita per Asia

  • Medico opera la moglie senza autorizzazione: condannato per falso

Torna su
TrentoToday è in caricamento