Sait e licenziamenti, Dalpalù: "Il clamore mediatico conferma l'importanza del consorzio"

"Il clamore mediatico e politico che ha accompagnato la nostra decisione conferma il ruolo e l’importanza di Sait per il Trentino".

"Il clamore mediatico e politico che ha accompagnato la nostra decisione conferma il ruolo e l’importanza di Sait per il Trentino". Così il  presidente di Sait  renato Dalpalù ha commentato, all'assemblea dei soci tenutasi nel  weekkend a Trento, la vicenda che ha portato al icenziamento per esubero di 80 dipendenti del consorzio. "Una scelta dolorosa ma necessaria" ha detto il presidente che ora consiglia "alcune valutazioni sulla relazione con i nostri collaboratori, che possono allargarsi all’intero sistema del consumo. I dipendenti sono la risorsa più importante per qualsiasi azienda, occorre stabilire un approccio diverso, e maggiore coinvolgimento negli obiettivi aziendali”. Nei prossimi mesi il presidente di Sait proporrà una revisione dello statuto riguardo anche la governance. “Una riflessione è opportuna – afferma Dalpalù – anche per aggiornare ai tempi attuali alcune regole che appaiono datate. Tra queste, il requisito della stretta territorialità nella composizione del consiglio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento