Sait e licenziamenti, Dalpalù: "Il clamore mediatico conferma l'importanza del consorzio"

"Il clamore mediatico e politico che ha accompagnato la nostra decisione conferma il ruolo e l’importanza di Sait per il Trentino".

"Il clamore mediatico e politico che ha accompagnato la nostra decisione conferma il ruolo e l’importanza di Sait per il Trentino". Così il  presidente di Sait  renato Dalpalù ha commentato, all'assemblea dei soci tenutasi nel  weekkend a Trento, la vicenda che ha portato al icenziamento per esubero di 80 dipendenti del consorzio. "Una scelta dolorosa ma necessaria" ha detto il presidente che ora consiglia "alcune valutazioni sulla relazione con i nostri collaboratori, che possono allargarsi all’intero sistema del consumo. I dipendenti sono la risorsa più importante per qualsiasi azienda, occorre stabilire un approccio diverso, e maggiore coinvolgimento negli obiettivi aziendali”. Nei prossimi mesi il presidente di Sait proporrà una revisione dello statuto riguardo anche la governance. “Una riflessione è opportuna – afferma Dalpalù – anche per aggiornare ai tempi attuali alcune regole che appaiono datate. Tra queste, il requisito della stretta territorialità nella composizione del consiglio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bancomat fatto esplodere nella notte: spariti 40mila euro e gravi danni al palazzo

  • "Dammi i soldi o ti ammazzo": preso il rapinatore e la moglie complice

  • Le sardine riempiono piazza Duomo a Trento

  • Ritrova la sorella dopo 50 anni: la storia di Luca

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • Diciottenne blocca il bus e prende il vetro a testate, poi aggredisce autista ed agenti

Torna su
TrentoToday è in caricamento