Muse, guide museali precarie: in 76 su 90 pronti a lasciare il lavoro

Contratti precari e non adeguati al ruolo: le guide del Muse proclamano lo stato di agitazione

Stato di agitazione tra gli operatori museali del Muse, il museo delle scienze di Trento celebre per lo strepitoso successo di pubblico ottenuto fin dalla sua apertura ma anche, purtroppo, per le condizioni precarie dei circa 90 lavoratori della struttura. In prevalenza giovani e con un alto profilo formativo i lavoratori del Muse sono inquadrati con un contratto che, secondo quanto denunca la CGIL da anni, non rispetta il loro ruolo, soprattutto in riferimento al titolo di studio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Gestione dei turni di lavoro, dei riposi e delle ferie senza criterio. Lavoratori part-time che, in sfregio a quanto prevede la legge, non sanno quando dovranno lavorare: questa è la situazione" si legge in una nota sindacale. Sarebbero 76 su 90, empre secondo quanto dichiarato dal sindacato, i lavoratori del Muse propensi, loro malgrado, a lasciare il posto a partire dal 1 ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Casting a Trento per un nuovo film: si cercano comparse esili o dal 'volto antico'

  • Frode fiscale da due milioni nelle importazioni di auto usate: sequestri anche a Trento

  • "Non si affitta a trentini": la protesta in Puglia contro l'abbattimento dell'orsa

  • In arrivo temporali, grandinate e raffiche di vento: allerta della protezione civile

  • Incidente in A22, si schianta contro un camion e rimane incastrato sotto il rimorchio: morto 38enne

Torna su
TrentoToday è in caricamento