Poste Italiane "taglia" 110 portalettere nonostante i 10 mln di euro della Provincia

L'accordo con la Provincia di Trento per far ripartire il servizio non salva i portalettere

L'accordo firmato tra Poste Italiane e Provincia di Trento, con i 10,6 milioni di  euro  messi sul piatto  da quest'ultima, non salva 110 posti di lavoro. Secondo quanto  denunciato dal sindacalista di Uil Post Lorenzo Decarli, sarebbe in arrivo in Trentino una "sforbiciata" per quanto riguarda il  personale addetto allla consegna della posta: da 388 a 278.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La notizia arriva nella stessa giornata in cui Poste Italiane, a livello nazionale, annuncia 10 mila assunzioni in arrivo, la metà delle quali sarebbero rivolte a figure professionali del settore economico e gestionale. Ad interrogare la Giunta sul caso trentino è il consigliere della Civica Civettini: "come mai non è stata prevista la clausola della salvaguardia occupazionale nell'acordo milionario sottoscritto dalla Provincia?" chiede il consigliere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Con il furgone contro una corriera: muore sul colpo

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Azienda trentina brevetta una macchina che produce 70.000 mascherine al giorno

Torna su
TrentoToday è in caricamento