In Trentino mancano ingegneri gestionali e biomedici

Una start up milanese ha misurato il divario, nelle regioni italiane, tra laureati ed offerte di lavoro per settore da parte di imprese dello stesso territorio. Il disallineamento maggiore è in Trentino Alto Adige

La Facoltà di Ingegneria a Mesiano

C'è un disallineamento tra laureati e mondo del lavoro nelle regioni italiane. Non è il solito problema del numero di laureati, sproporzionato rispetto all'offerta di lavoro qualificato, ma della specifficità del titolo di studio. La questione è affrontata da Talents Venture, start up milanese che si occupa di orientamento all'istruzione universitaria, sulle pagine online di Repubblica.it.

Quali lauree aiutano a trovare lavoro? Clicca qui

Il Treentino Alto Adige, con le sue due università di alto livello, non ne è immune, anzi: "Il "disallineamento" di competenze maggiore si trova nel Trentino Alto Adige. Sono stati solo dodici i residenti di questa regione laureati in Ingegneria gestionale o biomedica quando la richiesta delle aziende è di quasi 500 specialisti. La ricerca di professionalità da parte delle imprese del territorio resta del tutto insoddisfatta" si legge nell'articolo. 

Laureati a Trento: la metà viene da fuori regione

Per quanto riguarda l'ambito biomedico la carenza maggiore è la  mancanza di percorso di studi con indirizzo chimico-armaceutico, data la presenza di grandi aziende del settore sul territorio. Secondo il report di Talents Venture la richiesta di professionisti con questo titolo sul territorio sarebbe molto alta, rispetto all'assenza  totale di laureati trentini in quest'ambito. 

Studenti molesti? No, l'80% dei trentini li vorrebbe come vicini

A livello nazionale i più ricercati sono i laureati in statistica ed ingegneria elettronica (ed almeno nel  primo caso il Trentino può dunque consolarsi). A fronte di circa 1.300 laureati all'anno in statistica i posti di lavoro sarebbero più di 7.000, forbice che si allarga ancora di più per quanto riguarda gli ingegneri elettronici: nel 2017 le imprese italiane hanno ricercato 45.000 professionisti del settore a fronte di 10.000 laureati nello stesso  anno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coranavirus, supermercati presi d'assalto anche in Trentino

  • Un caso di Coronavirus in Alto Adige

  • Vastissimo incendio, la montagna brucia da due giorni e le fiamme lambiscono le case

  • Gravissimo incidente in A22, auto si schianta contro un tir: muore un uomo

  • Nuovo caso di coronavirus in Trentino: è una donna del Lodigiano in vacanza a Folgarida

  • Incidente in A22, si schianta contro un tir in sosta: morto 53enne

Torna su
TrentoToday è in caricamento