La 'Ndrangheta mette le mani sul porfido trentino: la storia finisce su Il Fatto Quotidiano

Sul sito del quotidiano un'intervista al segretario comunale di Lona-Lases, che ha tentato di afare luce su possibili infiltrazioni

La 'Ndrangheta mette le mani sulle cave di porfido del Trentino, il segretario comunale di Lona-Lases ha deppositato una relazione di 20 pagine sulle possibili infiltrazioni in Val di Cembra. Della vicenda se ne è occupato oggi Il Fatto Quotidiano online riferendo di 903 segnalazioni in provincia da parte della Direzione Investigativa Antimafia e riportando le parole del segretario comunale Marco Galvagni: "Tutto in queste valli ruota attorno alle cave, e proprio alla pietra si è aggrappata la mafia calabrese". Una mafia occulta, che riesce a mimetizzarsi anche tra i blocchi di porfido trentino, con operazioni bancarie non troppo sospette, infilando i tentacoli in uno dei settori più in crisi dell'economia trentina. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rapina in Lung'Adige: pugni in faccia per uno smartphone

  • Green

    Api in pericolo a Trento sud. La replica della Fondazione Mach: "Tutto regolare"

  • Incidenti stradali

    Due incidenti nella notte a Riva del Garda: feriti tre ventenni

  • Politica

    L'Autorità anti-corruzione: "Sgarbi non è incompatibile come presidente del Mart"

I più letti della settimana

  • Orrore in un capannone di Scurelle: smontavano le bare prima di cremare i corpi

  • Ecco il rarissimo gatto dorato, fotografato dai ricercatori del Muse in Tanzania

  • Bare e cadaveri abbandonati in un capannone in Valsugana: indagano i carabinieri

  • A22: maxitamponamento, 17 feriti ed autostrada bloccata

  • Muore a 19 anni dopo un malore in piscina

  • Dimostrazione a scuola con il cane antidroga, poi i carabinieri fermano un ragazzo

Torna su
TrentoToday è in caricamento