La 'Ndrangheta mette le mani sul porfido trentino: la storia finisce su Il Fatto Quotidiano

Sul sito del quotidiano un'intervista al segretario comunale di Lona-Lases, che ha tentato di afare luce su possibili infiltrazioni

La 'Ndrangheta mette le mani sulle cave di porfido del Trentino, il segretario comunale di Lona-Lases ha deppositato una relazione di 20 pagine sulle possibili infiltrazioni in Val di Cembra. Della vicenda se ne è occupato oggi Il Fatto Quotidiano online riferendo di 903 segnalazioni in provincia da parte della Direzione Investigativa Antimafia e riportando le parole del segretario comunale Marco Galvagni: "Tutto in queste valli ruota attorno alle cave, e proprio alla pietra si è aggrappata la mafia calabrese". Una mafia occulta, che riesce a mimetizzarsi anche tra i blocchi di porfido trentino, con operazioni bancarie non troppo sospette, infilando i tentacoli in uno dei settori più in crisi dell'economia trentina. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Riprendeva i bambini al parco: orrore in Val Rendena, arrestato un 40enne insospettabile

  • Scuola

    Nuova maturità, gli studenti: "Non siamo cavie". Piazza Venezia bloccata

  • Attualità

    Abbattuti i due grandi alberi di piazza Lodron

  • Attualità

    Vandali alla chiesa di Montevaccino: distrutte finestre e crocifisso

I più letti della settimana

  • Mancano autisti, Uil: "Contributo ai giovani per le patenti di camion e autobus"

  • Camion rimane "sospeso" sul terrapieno: autista miracolato

  • Disco orario a pile per essere sempre in regola: la Polizia Locale scopre il trucco

  • Bloccati al bivacco, trovano il ghiaccio e non riescono più a scendere

  • Gioia e Ginevra morte sulla A22, la madre a processo per omicidio stradale

  • Arrestati sette anarchici, blitz dell'Antiterrorismo nella notte

Torna su
TrentoToday è in caricamento