La 'Ndrangheta mette le mani sul porfido trentino: la storia finisce su Il Fatto Quotidiano

Sul sito del quotidiano un'intervista al segretario comunale di Lona-Lases, che ha tentato di afare luce su possibili infiltrazioni

La 'Ndrangheta mette le mani sulle cave di porfido del Trentino, il segretario comunale di Lona-Lases ha deppositato una relazione di 20 pagine sulle possibili infiltrazioni in Val di Cembra. Della vicenda se ne è occupato oggi Il Fatto Quotidiano online riferendo di 903 segnalazioni in provincia da parte della Direzione Investigativa Antimafia e riportando le parole del segretario comunale Marco Galvagni: "Tutto in queste valli ruota attorno alle cave, e proprio alla pietra si è aggrappata la mafia calabrese". Una mafia occulta, che riesce a mimetizzarsi anche tra i blocchi di porfido trentino, con operazioni bancarie non troppo sospette, infilando i tentacoli in uno dei settori più in crisi dell'economia trentina. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coranavirus, supermercati presi d'assalto anche in Trentino

  • Un caso di Coronavirus in Alto Adige

  • Vastissimo incendio, la montagna brucia da due giorni e le fiamme lambiscono le case

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Gravissimo incidente in A22, auto si schianta contro un tir: muore un uomo

  • Nuovo caso di coronavirus in Trentino: è una donna del Lodigiano in vacanza a Folgarida

Torna su
TrentoToday è in caricamento