Morto schiacciato dal carrello a motore, la CGIL: "Sei morti sul lavoro da inizio anno"

Un operaio 31enne è morto nelle campagne di Denno a causa di un incidente sul lavoro, dura reazione del sindacato

Dura la reazione della CGIL trentina alla drammatica notizia della morte di un operaio trentenne nelle campagne della Val di Non. "Ieri nelle campagne di Denno si è verificato l’ennesimo incidente sul lavoro. Andrei, operaio agricolo 31 anni non ce l’ha fatta. Schiacciato dal trattore su cui stava lavorando. E con lui fanno sei. Sei lavoratori che quest’anno hanno perso la vita in Trentino mentre non facevano altro che il proprio lavoro. Non si può continuare così. Non si può morire a trent’anni mentre si sta lavorando" si legge in un post su facebook.

"Dobbiamo tenere alta la guardia, insistendo sulla sicurezza per tutti i lavori, anche e soprattutto per quelli che hanno rapporti di lavoro limitati nel tempo. C’è bisogno di formazione sui rischi. C’è bisogno di fare di tutto perchè non si verifichino più situazioni del genere" conclude, amaramente, la nota. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune mette all'asta le biciclette abbandonate

  • Città più pericolose d'Italia: Trento è al 64° posto

  • Auto contromano: il camion si mette in mezzo ed evita la tragedia

  • Tornano le domeniche gratis nei musei e nei castelli

  • Trento, bicicletta centrata da un'auto: donna molto grave

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

Torna su
TrentoToday è in caricamento