Morto schiacciato dal carrello a motore, la CGIL: "Sei morti sul lavoro da inizio anno"

Un operaio 31enne è morto nelle campagne di Denno a causa di un incidente sul lavoro, dura reazione del sindacato

Dura la reazione della CGIL trentina alla drammatica notizia della morte di un operaio trentenne nelle campagne della Val di Non. "Ieri nelle campagne di Denno si è verificato l’ennesimo incidente sul lavoro. Andrei, operaio agricolo 31 anni non ce l’ha fatta. Schiacciato dal trattore su cui stava lavorando. E con lui fanno sei. Sei lavoratori che quest’anno hanno perso la vita in Trentino mentre non facevano altro che il proprio lavoro. Non si può continuare così. Non si può morire a trent’anni mentre si sta lavorando" si legge in un post su facebook.

"Dobbiamo tenere alta la guardia, insistendo sulla sicurezza per tutti i lavori, anche e soprattutto per quelli che hanno rapporti di lavoro limitati nel tempo. C’è bisogno di formazione sui rischi. C’è bisogno di fare di tutto perchè non si verifichino più situazioni del genere" conclude, amaramente, la nota. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campitello di Fassa, ha un infarto al mercatino di Natale: in prognosi riservata

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • Krampus "violenti" a Vipiteno? E' una tradizione, ma la fake news fa il giro del web

  • Luci soffuse e radio spenta, così un barbiere di Rovereto taglia i capelli ai bimbi autistici

  • "Dammi i soldi o ti ammazzo": preso il rapinatore e la moglie complice

  • Ritrova la sorella dopo 50 anni: la storia di Luca

Torna su
TrentoToday è in caricamento