Cartiere Villalagarina: mini-bond per 20 milioni di euro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

CARTIERE VILLA LAGARINA EMETTE NUOVO MINIBOND DA 20 MILIONI DI EURO CON L’ASSISTENZA DI BANCA FININT
DECISO DI ESTENDERE L’OFFERTA A SEGUITO DELLE MOLTISSIME RICHIESTE RICEVUTE DOPO IL SUCCESSO DEL PRIMO CLOSING 

   
Villa Lagarina, 6 agosto 2015 – Cinque minuti, questo il tempo di reazione di numerosi finanziatori che lo scorso 13 giugno, dopo la chiusura del primo collocamento del Mini-bond da 10 milioni di euro da parte di Cartiere Villa Lagarina S.p.A., hanno manifestato il proprio interesse ad investire nella società del Gruppo Pro-Gest.

Proprio a seguito di questo risultato Cartiere Villa Lagarina, sempre in collaborazione con Banca Finint, ha deciso di emettere un nuovo prestito obbligazionario ai sensi della normativa sui “Mini-bond” questa volta per un importo pari a 20 milioni di euro, con un tasso fisso pari al 5% e scadenza a dicembre 2021. Il titolo è stato ammesso oggi alle negoziazioni sul segmento Extramot PRO di Borsa Italiana.

Cartiere Villa Lagarina con 118 milioni di Euro di fatturato nel 2014, rappresenta la cartiera più grande del Gruppo Pro-Gest, leader in Italia nella produzione di carta, cartone, imballi e packaging. La società opera attraverso due linee di business: la produzione di carta riciclata per ondulatori (93 milioni di euro di fatturato nel 2014) e la produzione di carta tissue (25 milioni di euro di fatturato nel 2014).

Il Gruppo attraverso 19 società, ha chiuso il primo semestre 2015 con 245 milioni di euro di fatturato e con una percentuale di EBITDA pari al 17,2% producendo mediamente all’anno 900.000 tonnellate di carta, 1,2miliardi di metri quadrati di cartone ondulato, 2 miliardi di imballaggi e 55.000 tonnellate di carta tissue prodotta, di cui 12,000 trasformate internamente dal Gruppo.

Secondo Bruno Zago, Amministratore Delegato del Gruppo Pro-Gest: “L’interesse dimostrato dagli investitori dopo la prima emissione dei Minibond è stato per noi un segnale importante del valore e della solidità che il mercato riconosce al nostro Gruppo. Per questo abbiamo deciso di “estendere” l’offerta mantenendo i medesimi termini e condizioni. Pro-Gest, nel presentare il piano industriale 2016-2018, si è posto l’obiettivo di crescere ancora per diventare un player europeo a tutti gli effetti e lo strumento dei Mini-bond è un ulteriore passo per rendere più strutturale questo percorso".

Secondo Enrico Marchi, Presidente di Banca Finint: “Cartiere Villa Lagarina è un’azienda con importanti piani di sviluppo. Banca Finint è molto soddisfatta di poterne sostenere la crescita attraverso la strutturazione e il collocamento di questo secondo bond. Perseguiamo con forza l’obiettivo di aiutare i nostri Clienti ad essere più competitivi e siamo convinti che i proventi di questa nuova emissione possano dare un maggiore slancio all’importante piano strategico che l’azienda sta portando avanti in questi anni”.

Il collocamento del bond è stato curato da Banca Finint, che ha ottenuto un numero di richieste tali da coprire l’intero importo dell’emissione.

I sottoscrittori del prestito sono fondi specializzati, fondi territoriali, banche e fondazioni. Tra i fondi di Minibond che hanno partecipato all’operazione, i principali sono il Fondo Anthilia Bond Impresa Territorio di Anthilia Capital Partners SGR, il Fondo Progetto Minibond Italia di Zenit SGR e il Fondo Euregio Minibond di PensPlan Invest SGR.

Hanno contribuito al buon esito dell’operazione KON S.p.A in qualità di advisor finanziario dell’emittente e lo studio legale di Orrick Herringtion & Sutcliffe, che ha seguito la parte legale.

Torna su
TrentoToday è in caricamento