Inps: in Trentino il lavoro nero nell'edilizia è cresciuto del 38%

I dati Inps si riferiscono, ovviamente, ai casi venuti ala luce. I sindacati lanciano l'allarme e si rivolgono alle imprese

Lavoro nero in Trentino: 180 operai senza alcun contratto, ed altri 290 assunti in maniera non regolare nel settore dell'edilizia. Il dato è stato diffuso dall'Inps che ha svolto controlli in 600 aziende trentine del settore. Ancora più preoccupante è l'aumento dei casi rispetto all'anno precedente: +38%.

I sindacati in una nota unitaria lanciano l'allarme: "il riemergere del lavoro nero ed irregolare ci è noto e ci preoccupa molto. Così come ci preoccupa l’aumento degli infortuni, che si intreccia inevitabilmente con le situazioni di irregolarità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un'importante misura di prevenzione, scrivono i segretari di categoria di Fillea, Filca e Feneal, è l'obbligo, anche per le aziende che arrivano da fuori provincia, di iscriversi alla Cassa Edile. L'azione di prevenzione non deve essere solo sindacale, oltre che pubblica: "anche le imprese dovrebbero essere interessate ad un controllo puntuale perchè le aziende irregolari con il tempo finiscono per espellere dal mercato quelle virtuose".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: casi in diminuzione da 3 giorni. "Se i numeri saranno confermati siamo in discesa"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: altri 7 decessi in Trentino. Nuova restrizione: "Non si esce dal Comune in cui ci si trova"

Torna su
TrentoToday è in caricamento