Folgarida-Marilleva: la "cordata" trentina vince l'asta per 30,8 milioni di euro

Le funivie di Folgarida restano in mano ai trentini: in prima fila le vicine Funivie Campiglio di Collini, ma ci sarà anche la mano pubblica

Folgarida resta trentina. "Una vittoria, ce lo auguravamo" così il presidente Ugo Rossi commenta la notizia dell'aggiudicazione delle funivie di Folgarida-marilleva da parte di una cordata trentina. In testa le vicine Funivie Campiglio di Sergio Collini, insieme a Finanziaria Trentina, Isa, Itas, Mediocredito Trentino Alto Adige, Funivie Carosello Tonale. Nella cordata non manca il sostegno pubblico: 21 milioni di euro che saranno assicurati da Trentino Sviluppo nella forma di prestito obbligazionario (10 milioni) e di prestito obbligazionario convertibile (11 milioni). "In caso di conversione in azioni del prestito la nostra intesa è di metterle a disposizione di investitori locali per creare una vera public company" ha annunciato Rossi. I soggetti trentini si sono aggiudicati l'asta per 30,8 milioni di euro rilanciando  di poco rispeto all'offerta di 28 milioni pervenuta il 25 agosto. Nessun rilancio nè da parte del colosso francese Des Alpes, che  ha disertato l'appuntamento, nè da parte della società milanese che si era aggiudicata la prima asta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Supermercati: vietato scegliere quello più conveniente, spesa solo vicino a casa

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Contagi stabili, positivo un tampone su 10. Mascherine: "Ci vuole tempo perchè le sigilliamo"

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

Torna su
TrentoToday è in caricamento