Due anni senza dichiarare redditi e IVA: sotto indagine una parafarmacia di Riva del Garda

Berretti verdi in una parafarmacia gardesana: i prodotti venivano venduti con scontrini che però non venivano registrati

Quasi settecentomila euro di ricavi ed oltre centomila euro di IVA: sono queste le cifre contestate dalla Guardia di Finanza ad una parafarmacia di Riva del Garda, che per ben due anni non avrebbe presentato la dichiarazione dei redditi e dell'imposta sul valore aggiunto. 

"La società è stata individuata attraverso un’analisi di rischio di carattere economico-finanziaria, condotta sulla base degli elementi acquisiti sul territorio - spiega la Tenenza di Riva del Garda - Dall’incrocio dei dati sono emerse evidenti anomalie ed in particolare l’assenza di ricavi dichiarati al Fisco".

In breve la parafarmacia vendeva i propri prodotti emettendo regolare scontrino, in modo da non insospettire i clienti, salvo poi non registrare gli scontrini in contabilità. Una mossa che ha permesso all'attività commerciale di non pagare le imposte dirette e l'IVA per due anni, ma che alla fine è stata facilmente smascherata.

Potrebbe interessarti

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Orso M49, Fugatti firma una nuova ordinanza: "Sì all'abbattimento in caso di grave pericolo"

  • Pasubio: finalmente riaperta la Strada delle 52 gallerie

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Orso M49: la Provincia pubblica, cinque giorni dopo, il video della cattura

Torna su
TrentoToday è in caricamento