Chiudono le attività "non essenziali". Sindacati: "Rispetto della legge, o sciopero"

Cgil, Cisl e Uil del Trentino: "Pronti allo sciopero per la salute di tutti"

"Segnaleremo al Commissario del Governo tutte le aziende in cui non si rispettano i contenuti del protocollo, e siamo pronti allo sciopero per la salute di tutti". E' quanto scrivono Cgil, Cisl e Uil del Trentino in vista della chiusura, entro mercoledì 25 marzo, di tutte le attività ritenute "non essenziali" come previsto nel decreto del premier Conte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Decreto che, viste anche le quasi 24 ore trascorse tra l'annuncio in diretta Facebook e la diffusione del testo ufficiale del provvedimento, ha sollevato non poche perplessità, sia tra gli imprenditori che tra i lavoratori. Abbiamo riportato oggi, in questo articolo (clicca qui), l'elenco delle attività che potranno rimanere aperte. I sindacati annunciano che vigileranno sul rispetto del decreto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: casi in diminuzione da 3 giorni. "Se i numeri saranno confermati siamo in discesa"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: altri 7 decessi in Trentino. Nuova restrizione: "Non si esce dal Comune in cui ci si trova"

Torna su
TrentoToday è in caricamento