Niente olio sul Garda, il Consorzio: "Colpa dei cambiamenti climatici, chiediamo lo stato di calamità"

Crollo della produzione del 90%, praticamente un'intera annata andata a vuoto, ecco le cause

Annata disastrosa per le olive su tutto il Lago di Garda: gli agricoltori hanno richiesto lo stato di calamità. Una nota del Consorzio di Tutela dell'Olio del Garda DOP parla di un calo di prozuione tra il 90% ed il 95%, praticamente un'intera annata andata a vuoto.

"Le cause dell’annata negativa sono da ricercare nei cambiamenti climatici in atto. Il freddo di maggio e il caldo intenso di giugno, seguiti da venti forti e grandine, non hanno lasciato scampo agli oliveti, che quest’anno hanno prodotto pochi frutti" spiega Laura Turri, presidente del Consorzio che riunisce 474 produttori tra le provice di Trento, Verona e Brescia.

Turri non ha paura di parlare direttamente di cambiamento climatico, di fronte ad una situazione non solo inedita ma largamente inaspettata. "Per affrontare il cambiamento climatico e il futuro della olivicoltura del Garda, inoltre, è necessario mettere in atto un’attività di studio che coinvolga tutti i centri di ricerca, identificando le cause di quanto accaduto e individuando i rimedi atti a risolvere o mitigare i fenomeni avversi, nel caso in cui situazioni simili a quelle verificate quest’anno dovessero ripetersi" conclude il messaggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trento, accoltellato dalla fidanzata: ragazzo soccorso per strada e trasportato in ospedale

  • Le migliori osterie del Trentino secondo Slow Food

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Camion bloccato dalla neve: arrivano i Vigili del Fuoco con l'autogru

  • Pioggia e neve: allerta meteo della Protezione Civile per le prossime 48 ore

  • Previsioni del tempo, neve in arrivo anche a bassa quota

Torna su
TrentoToday è in caricamento