Succhi, sidro, birra e distillati: al via il corso alla Fondazione Mach

Sono 20 gli iscritti al nuovo corso della FEM, inaugurato questa mattina, il primo dedicato a delle bevande che non siano il "frutto della vite"

Una nuova avventura prende oggi il via per i 20 iscritti al corso per Tecnico superiore delle bevande alla Fondazione Mach, una delle novità del 2018 all'interno dell'offerta formativa dell'istituto.

Il corso, della durata di 3000 ore di cui 1200 di praticantato, include la produzione di distillati, succhi di frutta, sidro e birra. Una bella novità nella "terra del vino", accolta con particolare interesse dal mondo agricolo ed alimentare.

Presenti alla mattinata di inaugurazione alcuni imprenditori del settore: Giuseppe Bertagnolli, presidente dell' Istituto Tutela della Grappa del Trentino, Alessandro Cammelli di Dolomiti Fruits, e Stefano Gilmozzi di Birra di Fiemme. 

Grazie a questo corso i tecnici saranno in grado di gestire l’intera filiera, dalla scelta delle materie prime, passando per la trasformazione fino alla promozione e valutazione dei prodotti; gli ambiti di intervento sono distillerie, birrifici e aziende produttrici di bevande, sia alcoliche che non, a conduzione artigianale o a carattere industriale, ma l'esperto può anche intervenire come consulente in piccoli impianti ed essere promotore dei prodotti ottenuti.

fem-2

Potrebbe interessarti

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Orso M49, Fugatti firma una nuova ordinanza: "Sì all'abbattimento in caso di grave pericolo"

  • Pasubio: finalmente riaperta la Strada delle 52 gallerie

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

  • Orso M49: la Provincia pubblica, cinque giorni dopo, il video della cattura

  • In montagna senza smartphone: il rifugio è gratis

  • Si tuffa nel lago e sviene: è la "sincope da immersione", recuperato dai Vigili del Fuoco a nuoto

Torna su
TrentoToday è in caricamento