Fallimenti record in Trentino, Ianeselli: "Serve sostegno alla ricollocazione"

Non solo sostegno al reddito, ma anche alla ricollocazione, all'interno di un'economia "dinamica, in cui accanto a chi fallisce c'è anche chi innova e si rigenera"

Di  fronte al dato record di fallimenti di imprese  in Trentino la priorità assoluta devono essere le politiche sociali e del lavoro. Ne è convinto Franco Ianeselli,segretario della Cgil trentina, che commenta così i dati diffusi dalla camera di Commercio, che parlano di anno record, negativo, per numero di imprese  fallite, un trend iniziato quattro anni fa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non soolo sostegno al reddito, ma validi strumenti che sostengano la ricollocazione sul mercato del lavoro" questo il monito della Cgil. Se la crisi "da cui non siamo ancora venuti fuori", dice Ianeselli, tocca in primis le imprese, dall'altra parte ci sono i lavoratori: "Una situazione comunque di difficoltà con cui ci misuriamo quotidianamente, perchè ogni azienda che fallisce comporta una perdita di posti di lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso si avvicina all'escursionista e lo segue: l'incontro è avvenuto in Val di Non

  • Coronavirus, rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: focolaio in Trentino

  • Viveva in Trentino e aveva circa 20 anni il ragazzo trovato morto su un treno

  • Allerta meteo in Trentino: in arrivo nubifragi e grandine

  • Trovato il corpo senza vita di un giovane sopra al treno proviente da Trento

  • Cade nel fiume: ripescato vivo un chilometro e mezzo a valle, è grave

Torna su
TrentoToday è in caricamento