Controlli della Finanza sugli inquilini Itea: il 67% dei casi riguarda italiani

Protocollo d'Intesa tra Itea e Guardia di Finanza a caccia dei "furbetti" delle case popolari

L'assessore Segnana, il presidente di Itea Ghilardini ed il colonnello della Guardiia ddi Finanza Rubaudo

Caccia ai "furbetti" delle case popolari: la Guardia di Finanza di Trento ha presentato i dati di due anni di controlli sui titolari di appartamenti agevolati da parte di Itea, in Trentino e di Ipes, in Alto Adige. In totale sono stati 43 gli interventi ispettivi avviati, i contributi contestati ammontano a 150.000 euro, la maggior parte, però, in provincia di Bolzano.

Sul totale dei controlli gli inquilini ai quali sono state rivolte contestazioni per "omessa o incorretta autocertificazione dei redditi" sono italiani nel 67% dei casi, stranieri per il restante 33%. Si tratta di casi  in cui gli elementi di calcolo dell'indicatore Icef, che serve a stabilire se  si ha diritto o meno alla casa popolare, sono stati volutamente falsati. 

La Guardia di Finanza ha sottoscritto con l'ente provinciale per l'edilizia abitativa, Itea, un Patto d'Intesa per rendere più efficaci i controlli ed evitare che chi non ne ha diritto acceda all'appartamento pubblico, lasciando invece esclusi i bisognosi. Chi sarà scoperto con una posizione irregolare dovrà restituire i benefici indebitamente percepiti e sarà segnalato al Servizio della Provincia Autonoma di Trento per l’irrogazione delle sanzioni previste oltre  che,  nell caso vi siano gli estremi, all'Autorità Giudiziaria. 

Potrebbe interessarti

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

Torna su
TrentoToday è in caricamento