Cantina di Lavis, il commissariamento è sempre più vicino

Alla mezzanotte di venerdì scadeva il termine entro il quale le banche avrebbero dovuto fornire parere favorevole al primo passaggio del piano di risanamento con la concessione del credito per l'ordinaria amministrazione

I soci della cantina Lavis sperano in un colpo di coda dell'ultimo minuto per evitare il commissariamento che tuttavia sembra sempre più vicino. Alla mezzanotte di ieri scadeva il termine entro il quale le banche avrebbero dovuto fornire parere favorevole al primo passaggio del piano di risanamento con la concessione del credito per l'ordinaria amministrazione. Ieri avrebbero detto sì solo 5 banche, ma non le più importanti. I soci sperano che le banche concedano ancora tempo prima della riunione della giunta provinciale di lunedì, quando, se non ci saranno cambiamenti, sarà nominato il commissario che dovrebbe essere Andrea Girardi. Alcuni istituti di credito avrebbero chiesto la procedura di concordato preventivo in continuità aziendale per evitare il default.

Potrebbe interessarti

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

  • Moto, controlli della Polizia Locale: sorpreso in paese a 100 km/h

  • Mandrea Festival: i carabinieri controllano anche la Cannabis Light

I più letti della settimana

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento