Cronavirus: anche la Calzedonia di Avio produrrà mascherine

Riconversione in tempo record: dalle calze alle mascherine

Anche lo stabilimento trentino di Calzedonia in prima linea per l'emergenza coronavirus: l'azienda ha infatti annunciato di procedere alla riconversione di alcuni siti produttivi, tra cui quelli di Avio in Trentino, di Gissi in Toscana, e gli stabilimenti in Croazia, per la produzione di mascherine. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il nuovo assetto, comunica l'azienda, permetterà la produzione di 10.000 mascherine al giorno. Un prodotto quanto mai necessario, ma altrettanto introvabile, in questo periodo. Recentemente il direttore dell'Azienda sanitaria provinciale, Paolo Bordon, ha dichiarato che 10.000 è approssimativamente il numero di mascherine di cui avrebbe bisogno il sistema sanitario trentino attualmente. La nuova produzione è iniziata il 22 marzo, le prime 5.000 mascherine sono state donate all'ospedale di Verona.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: casi in diminuzione da 3 giorni. "Se i numeri saranno confermati siamo in discesa"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: altri 7 decessi in Trentino. Nuova restrizione: "Non si esce dal Comune in cui ci si trova"

Torna su
TrentoToday è in caricamento