Crisi del porfido: in quattro anni cento aziende in meno

Sono 130 le imprese del settore estrattivo e della lavorazione della pietra che hanno chiuso i battenti negli ultimi 4 anni, quelle nuove sono invece 21, ed il "bilancio è quindi di oltre cento imprese in meno nel settore. A fornire i dati è stato l'assessore alle attività economiche Alessandro Olivi in risposta ad un'interrogazione del consigliere Maurizio Fugatti in cui si chiedeva conto alla Giunta di un presunto scarso interesse per la questione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In progressivo calo risultano anche gli addetti del settore estrattivo, passati dai 2.278 dipendenti e non dipendenti del 31 dicembre 2010 ai 1.705 di fine 2014. Nel novanta per cento dei casi, spiega l'assessore nella sua risposta a Fugatti, questi dati riguardano il comparto del porfido. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

Torna su
TrentoToday è in caricamento