Il Consiglio di Stato annulla la sanzione da 600mila euro alla Federazione trentina della cooperazione

Ad essere contestata era una violazione antitrust nel settore del credito

(foto da cooperazionetrentina.it)

La maxi sanzione da 600 mila euro nei confronti della Federazione trentina della cooperazione è stata annullata. A deciderlo la sesta sezione del Consiglio di Stato, annullando il provvedimento sanzionatorio emesso dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm).

Il provvedimento contestava alla Federazione una presunta violazione antitrust nel settore del credito - coordinamento illecito dei tassi sui mutui per acquisto prima casa da parte delle Casse rurali associate.

"La pronuncia - dichiara il direttore generale della Federazione, Alessandro Ceschi - ha accolto totalmente le istanze difensive dell'ente, stabilendo la correttezza dell'operato della Federazione, che aveva adottato la condotta contestata dall'Agcm al solo fine di supportare le Casse rurali associate nell'adeguarsi ai principi contabili internazionali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2020: in Trentino due tappe fondamentali, ed un passo inedito

  • Vino DOC falso da Pavia a Lavis: blitz della Guardia di Finanza

  • Gardaland: apre il parco acquatico Lego, ecco come sarà

  • Vino DOC contraffatto: perquisizioni in Trentino, blitz all'alba e sette arresti

  • Padre e figlio bracconieri denunciati in Val di Sole: stavano decapitando un cervo

  • Tragedia a Villazzano: anziana muore intrappolata nell'incendio

Torna su
TrentoToday è in caricamento