Violentata, maltrattata e minacciata di morte dal marito: scatta divieto di avvicinamento

A essere denunciato un cittadino macedone residente a Trento da anni

Repertorio

Costretta ad avere rapporti sessuali contro la sua volontà, insultata per il suo aspetto fisico e costantemente sotto controllo. È questo l'incubo che una donna è stata costretta a vivere per colpa del marito, un macedone da anni residente a Trento. 

La consorte, esasperata dal comportamento dell'uomo, che la assillava anche controllando in modo maniacale ogni suo movimento e i suoi contatti telefonici, aveva deciso di separarsi da lui. Ma da quel momento la situazione era precipitata ulteriormente: il coniuge aveva iniziato a pedinarla, aspettarla fuori dal luogo di lavoro e tempestarla di messaggi. A ottobre, poi, il macedone è andato dai suoceri e gli ha detto che quando si fosse separato dalla figlia l'avrebbe uccisa.

A quel punto la donna ha deciso di allontanarsi da casa con i figli e ha denunciato gli abusi alla polizia di Trento. Dopo le indagini, che hanno confermato quanto riferito dalla vittima, nei confronti del marito è scattato un provvedimento di divieto di avvicinamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croce Bianca di Trento piange Silvio Maestrelli: la triste scomparsa del ragazzo

  • Campitello di Fassa, ha un infarto al mercatino di Natale: in prognosi riservata

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • La leggenda di Santa Lucia, "collega" di Babbo Natale

  • Incidente mortale sulla A22: furgone contro un camion

  • Luci soffuse e radio spenta, così un barbiere di Rovereto taglia i capelli ai bimbi autistici

Torna su
TrentoToday è in caricamento