Via dedicata a Hendrix: non solo a Trento, richiesta fatta in tutti i Comuni

L'idea è di Fabio Pillitteri, un dipendente del Comune di Lercara Friddi (Palermo), talmente appassionato di Hendrix che ha deciso di contattare tutti i Comuni d'Italia (8092) invitando i sindaci a volere titolare una via al chitarrista

La notizia sulla volontà di dedicare una strada di Trento al mito della chitarra Jimi Hendrix, morto a 27 anni come tante stelle "maledette" del suo tempo, è cosa nota. La cosa meno nota è come si è arrivati alla proposta, che non è limitata a Trento, tutt'altro. L'idea è infatti riconducibile a Fabio Pillitteri, un dipendente del Comune di Lercara Friddi (Palermo), in servizio presso l'area tecnica. Pillitteri è talmente appassionato di Hendrix che ha deciso di contattare tutti i Comuni d'Italia (per la cronaca 8092, ed in realtà, escludendo il suo e quello di Lanuvio in provincia di Roma, 8090) invitando i sindaci a volere titolare, se possibile, anche una semplice stradina, piazzetta, vicolo, al grande chitarrista mancino.

"Dopo aver attivato la PEC governativa (quella gratuita per intenderci), ho iniziato il mio giro d'Italia virtuale a suon di PEC e, quando non possibile, di mail ordinaria, fax o “lettera tradizionale”: in data 8 maggio 2013 ho ultimato il mio tour ... ho cioè contattato tutti (ma proprio tutti!) i Comuni della Sicilia, della Calabria, della Puglia, della Basilicata, della Campania, del Molise, dell'Abruzzo, del Lazio, della Sardegna, dell’Umbria, delle Marche, della Toscana, dell'Emilia-Romagna, della Liguria, del Veneto, del Friuli Venezia Giulia, del Trentino Alto Adige, della Lombardia, del Piemonte e della Valle d’Aosta, ricevendo anche risposte positive da parte di alcune Amministrazioni Comunali che hanno condiviso ed apprezzato la mia iniziativa", racconta Pillitteri. Ecco come la proposta è arrivata anche a Trento. ,

"Ho ricevuto diverse risposte da amministrazioni comunali da un po' tutta l'Italia da me virtualmente visitata: tra queste ci sono le classiche risposte formali del tipo ... la sua proposta sarà tenuta nella debita considerazione (che tradotto in gergo burocratese vuol dire che probabilmente l'istanza è stata riposta in archivio o passata a qualche burocrate che la terrà sulla propria scrivania diversi mesi prima di cestinarla), ma anche risposte di sindaci entusiasti perché anche loro (come me) appassionati di musica e dotati inoltre di una buona dose di apertura mentale che probabilmente farà si che in futuro, oltre a Lanuvio e Lercara Friddi, ci saranno altre vie Jimi Hendrix in Italia", dice Pillitteri.

Ovvia l'obiezione: ma con tutti i problemi che ci sono in Italia è questa la cosa in cui investire tanta tenacia ed energie? Pillitteri gioca d'anticipo: "Mi rendo conto che al momento il nostro Paese sta attraversando notevoli problemi dovuti anche alle recentissime vicende politiche nazionali (non ultime la tormentata elezione del Capo dello Stato, la designazione del Presidente del Consiglio e la scelta della squadra di Governo) e che pertanto la mia richiesta, in questo momento, può sembrare a dir poco strana o fuori luogo (fate voi!)… ma ho iniziato questo viaggio virtuale in tempi meno sospetti di questi (alla fine del 2012) ripromettendomi di portarlo a termine entro quest’estate. Ribadisco che la mia è solo una richiesta … un tentativo di realizzare un’impresa difficile (oserei dire, visti anche i risultati fin qui ottenuti, quasi impossibile) … datemi comunque la possibilità di tentare". Tanti auguri Jimi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il supermercato più conveniente di Trento? Ecco il "calcolatore" online di Altroconsumo

  • "Aiuto, c'è una donna con lenzuolo bianco sulla statale": chiamano il 112 per la Samara challange

  • Incendio in casa: morta una mamma, grave il suo bambino

  • Tornano all'auto parcheggiata in via Grazioli e ci trovano dentro il ladro

  • Incidente a Ledro, motociclista perde il controllo e si schianta: portato via in elicottero

  • Sbanda e si rovescia su un fianco con l'auto: automobilista illeso

Torna su
TrentoToday è in caricamento